GUERRA O PRIMA IL RITORNO DI GESÙ CRISTO!

 

 

SIAMO DAVVERO IN GUERRA!

dollar2

 

Il minimo che possiamo dire è che siamo davvero viviamo momento molto speciale.

 

Troviamo che le economie di tutto il mondo rimangono solo dal debito, gli Stati e le popolazioni che vivono a credito e persino il debito!

 

L’indebitamento dei popoli sono così importanti che i pignoramenti e gli sfratti colpiscono sempre più famiglie in tutto il mondo.

 

Gli stati si devono ancora prendere in prestito e ancora e spesso anche per pagare i premi di prestiti in essere.

 

Siamo in un mondo di sistema del debito permanente che con mezzi convenzionali è diventato impossibile uscire!

 

Nessun paese in carta moneta la quantità di denaro necessario per pagare i propri debiti e interessi.

 

Inoltre, ogni tre mesi che vediamo un ulteriore stati ictus vite per trovare i fondi per pagare il premio.

 

Questa è la triste realtà del nostro quotidiano in tutto il mondo.

 

« Stringere ancora e ancora la cintura »

 

Abbiamo ancora stringiamo la cinghia pur sapendo che avremo ancora bisogno di stringere un po ‘di più in pochi mesi!

 

I poveri pagano le tasse, le spese, gli affitti, le tasse e le spese che aumentano ancora e ancora, mentre i benefici, pensioni e salari stagnano o addirittura regrediscono dagli effetti degli aumenti del carico fiscale.

 

Le persone sono la fame « disperata » tuona nel mondo e anche in paesi conosciuti come « Rich » furto di cibo non sono mai stato più importante.

 

I bovini sono uccisi dai ladri nella notte e macellati sul posto in campo.

 

http://wikiagri.fr/articles/une-vache-abattue-et-depecee-en-plein-champ-pour-25-kilos-de-viande/662

 

Alimenti sono oggetto di numerosi voli, tra cui scorte beneficenza.

 

http://www.europe1.fr/faits-divers/le-vol-d-association-caritative-se-banalise-1289513

 

 

Stiamo assistendo sempre di più una nuova forma di criminalità « Voli fini alimentari » che dimostra chiaramente la difficoltà, insicurezza e povertà estrema di molti uomini e donne in molti paesi. E anche in Francia.

 

 

Media sorvolare i mali della crisi economica mondiale tra due interviste politiche, ma i problemi esistenziali della gente di solito sono mai affrontate.

 

 

Abbiamo poi le proteste, rivolte e persino guerre civili, perché quando la gente ha fame si manifesta prima con pretese sociali e salariali e poi si sono rivolte e finiva sempre, la storia lo conferma, in un bagno di sangue in una guerra civile o in un conflitto globale.

 

 

Grecia, Spagna, Italia e anche Francia e Germania sono tra gli altri già colpiti da questi flagelli a causa dell’esplosione del debito.

 

grecia-violenza-proteste-austerity-503091-jpg_343875

 

Righelli globali non sentire le persone, allora è alle urne, come proseguono le proteste di voti per i partiti estremisti (estrema sinistra per la Grecia e estrema destra in Francia).

 

Siamo in una logica implacabile di un peggioramento del debito e delle sue conseguenze.

 

Viviamo con carta di credito e ogni anno è peggio di quello precedente.

 

Viviamo nella paura del giorno successivo.

 

Ogni giorno ci porta sempre di più del crollo economico globale.

 

Le persone non sanno di chi fidarsi per eseguire il loro paese.

 

Solo i partiti estremi proporre soluzioni per uscire da sistema del debito.

 

Disperazione portato moltitudini a votare per questi partiti.

Grafico elezioni dipartimentali

in Francia 29 marzo, 2015 

 

i risultati provvisori-des-elezioni-DIPARTIMENTALI 2015_5306243

Ahimè, non cambia nulla quando arrivano al potere

« Vedremo perché più avanti nel testo. »

 

Questo è il nostro quotidiano!

 

 

Quello di gran lunga i migliori anni in cui gli uomini potevano vivere del frutto del lavoro!

 

 

Oggi le cose sono molto diverse, i ricchi sono più ricchi e il numero crescente di poveri!

 

 

Come siamo arrivati!

 

 

Le cause appaiono diverse, ma alla fine economico sono il culmine di un lungo processo che si è sviluppato nel XX secolo e che ha effetto dall’inizio del ventunesimo secolo.

Questa è la guerra di OR

magazzino-or_chine

 

 

1) titoli di Stato sul mercato internazionale

Il 3 gennaio, 1973 , il signor Giscard d’Estaing Presidente della Repubblica francese, che il tempo è passato una legge dall’Assemblea nazionale costringendo il governo francese a fare i suoi prestiti alle banche internazionali, piuttosto che presso la Banca di Francia e di nuovo a meno che i francesi che sono stati banditi a prestare denaro alla nazione.

 

Da allora la Francia perde tre volte ogni prestito, una volta lavorando soldi stranieri in Francia, la seconda volta, dando banche estere il risultato del lavoro dei francesi e la terza volta, impedendo loro di partecipare in francese indebitamento dello Stato e quindi di beneficiare dei frutti di questi prestiti.

 

Naturalmente il più il sistema non aumenta la ricchezza francese (governo e persone) e anche il contrario, impoverisce e in debito.

 

Agios e finanziamenti sono poi aggiunti gli uni agli altri per condurci a questo debito abissale che conosciamo nel 2015. « 2000000000000 € di debito allo Stato francese. »

 

 

2) La ricerca del profitto a breve termine

I nostri governanti hanno deliberatamente provocato la deindustrializzazione della Francia, lasciando e anche favorendo il trasferimento delle nostre tecnologie all’estero e le posizioni delle nostre imprese, aziende e fabbriche in paesi meno sviluppati dove la manodopera è meno costosa.

 

La Francia è ora costretto ad acquistare all’estero, che cosa ha prodotto e venduto sul mercato internazionale.

 

Meno afflussi di denaro e più spesa!

 

Divenne la grande economia della Repubblica nel paese di Richelieu, Mazzarino, Voltaire e Montesquieu !!

 

 

 

3) L’abbandono di « Etalon-Gold » per il commercio internazionale

A differenza del GAULLE generale abbiamo accettato la supremazia del dollaro arrivando affidare parte del nostro patrimonio « OR » FES ( Federal Reserve sistema ) , che è la A. US Central Bank

 

 

4) Creazione della banca europea e la sua moneta l’euro .

L’euro era ovviamente una (buona cattiva /) idea.

Bene perché uniti siamo più forti.

Bad perché i paesi della zona euro non hanno le stesse economie e il dollaro è rimasto la valuta commerciale globale

 

 

Queste sono le quattro cause principali dei nostri problemi economici.

 

Noi (governo) sono stati pertanto costretti e poi costretto a prendere in prestito sui mercati liberi globali;

Constrained e costretto anche le nostre tecnologie, aziende, fabbriche e le imprese lasciano la Francia;

Costretto e costretti a spogliarci di produrre a volte causa la perdita delle regole di dollaro e di sistema.

 

La Francia non è più in grado di stampare denaro avuto alcuna possibilità contro ciò mostro divenne  »  il Stati Uniti d’America « (USA)

 

Gli Stati Uniti rimasti i padroni della loro moneta e vengono stampati dalla Fed come « Dollars » molte greenbacks cui hanno bisogno per continuare a comprare il mondo sconfiggendo il modo e saranno le economie di altri paesi.

 

 

Uno dopo l’altro paese « gettare la spugna » non poteva più prendere in prestito sui mercati del debito e premi superano il loro prodotto interno.

 

 

Poi ipotecare la Fed a depositi in oro per i biglietti verdi « dollari » che sono diventati più a lungo termine da parte di stampa grandi quantità, come valutate come carta igienica, sì, ma il dollaro è ancora la valuta del mondo senza Come acquistare nulla e nulla vende tra multinazionali, banche e stati.

 

 

Così possiamo capire che il processo che è stato messo in atto da decenni dagli Stati Uniti e la Fed contro i popoli del mondo che è stato progettato per consentire agli Stati Uniti di diventare i padroni del mondo, imponendo il dollaro come valuta commercio globale.

 

 

Ma peggio è che l’umanità ha perso la sua amata con questa libertà sistema di diventare schiavo della nuova era!

 

 

Siamo tutti condannati a lavorare di più e guadagnare di meno per pagare i debiti che sono più importanti e che sono forniti e calcolato dal sistema per non permettere di essere completamente rimborsato.

 

 

Presidente Mitterrand nelle sue memorie ha spiegato che eravamo in guerra contro gli Stati Uniti, un silenzioso, la guerra latente, una guerra economica e politica il cui obiettivo è per gli Stati Uniti di fare del popolo francese, un popolo di schiavi.

 

 

E ‘lo stesso per tutti i paesi ei popoli a dominanza monetaria degli Stati Uniti.

 

mappa del mondo

 

Tutti questi paesi sono attaccati come la Francia!

 

 

Ma quando guardiamo un po ‘più da vicino, vediamo che il popolo americano è anche oggetto della Fed come una nazione di schiavi.

 

Negli Stati Uniti, l’insicurezza e la povertà è altrettanto importante, se non peggio che in Europa!

 «E c’è la piccola pietra che porterà verso il basso il » sistema « a tempo debito da Dio »

Tensione, pressione, illusione, sono parte dell’arsenale del FES per raggiungere i suoi scopi è quello di recuperare con ogni mezzo la massima O il mondo per riempire le sue casse e dare il potere degli Stati Uniti così Financial esercitare con fermezza e con forza ancora una volta il suo diktat sul pianeta.

 

Siamo nella guerra delle RUP, il crollo della moneta « carta » è inevitabile, è solo una questione di tempo.

 

Assegnati della Rivoluzione francese sono un esempio lampante di ciò che attende nel breve termine la carta moneta « Dollaro » e come un domino Tutto il pianeta delle valute di carta, perché l’intera economia mondiale è basato sul dollaro.

 

http://sceco.univ-poitiers.fr/hfranc/assignats.htm

 

Analizzando la storia scopriamo che il mondo economico e finanziario del pianeta è già crollato 29 settembre 2008 con la famosa -777,7 nel crollo del mercato azionario di New York e dal momento che siamo « morts- vivente « in infusi monetari (banconote impressioni sempre più importanti).

 

Il sistema sembra funzionare, ma in realtà l’economia mondiale è in uno stato di morte clinica , ma il suo cuore « valuta » lotta ancora con il funzionamento artificiale dell’economia da stampe sempre più grandi banconote.

 

L’economia globale è morto, ma il crollo ufficiale è organizzato per essere in tempo.

 

E ‘ovvio che le persone si rifiutano di vedere e capire.

 

Presto i premi debiti non saranno più pagati con i soldi di carta e gli stati saranno costretti a pagare in OR.

 

Si teme la vista della tempestività e della grandezza di debiti sotto i popoli coercizione della rivolta mondo massicciamente.

 

Per essere più precisi è già il caso in Nord Europa e in Medio Oriente.

 

I nostri media spiegano bene i problemi politici di queste regioni, ma ci dicono nulla circa le modalità esistenziali di questi popoli.

 

 

Sono già schiavi che stanno lottando per sopravvivere!

 

 

Gli Stati Uniti agitare spauracchi politici di occupare le menti mentre perseguono lo strangolamento economico del paese.

 

Usano tutti i mezzi ricatti, corruzione, minacce, violenza, imbrogli, trucchi, e le guerre per raggiungere i loro obiettivi, vale a dire recuperare o Gold fallo in tutti i paesi.

 

Uno per uno nell’indifferenza generale dei paesi più deboli sono spogliati del loro oro dal FES.

 

Si tratta di un vero e proprio War Gold stiamo assistendo a livello globale.

 

Questa è una guerra sporca, disgustosa e spietato con i suoi milioni di morti, che è condotta dalla Fed e gli Stati Uniti a livello globale. Una guerra in cui sono ammessi tutti i colpi.

 

Tra gli altri tedeschi e belgi trovato a loro O a EDF. Sono riusciti a generare uno scandalo e recuperare « steli di ciliegio »

 

La Fed si rifiuta di aprire le sue casse!

 

http://www.michelcollon.info/La-Reserve-Federale-des-Etats-Unis.html

 

http://lesmoutonsenrages.fr/2014/11/26/lor-detenu-par-les-etats-unis-pourrait-avoir-disparu/

 

 

Ciò che dovrebbe come cristiani

comprensione di questa guerra di oro.

 

 

Dobbiamo già capire che gli Stati Uniti sono piuttosto protestanti e in Europa è piuttosto cattolica.

Ma io non credo che sia solo questa differenza che è la causa della guerra di oro.

La spiegazione sembra essere così visibile e ovvio come una firma su greenbacks « Dollari »

dollaro

dollar1

La piramide della Massoneria sulle banconote « Dollar » è dominato da una piramide più piccola che è la Illuminati al centro della quale è l’occhio.

 

 

Questo occhio è il padrone di tutto

e vede tutto.

 

 

Questo occhio è però il Signore di tutti « a terra », e qui si capisce che è il rappresentante di Lucifero « grande drago », che è rappresentato dal occhio biglietti verdi « dollari » che è stato creato per schiavizzare la gente e li portano a uno stato di schiavitù dal primo passandoli da insicurezza, la povertà e la guerra.

 

 

E ‘molto interessante e importante per il futuro dell’umanità per scoprire chi è il Gran Maestro degli Illuminati del pianeta!

 

 

Il dollaro è il mezzo con cui Satana ha organizzato la schiavitù del genere umano.

 

 

L’obiettivo di Satana era quello di scambiare l’oro del mondo contro una carta divertente money « dollaro »

 

Poi inondando il mondo con questa banca valuta nota carta « Dollar » rendendo così meno preziosa per avere valore come quello della carta igienica più volgare.

 

È riuscito a scambiare l’oro mondiale contro la carta igienica volgare!

 

Dobbiamo riconoscere che questo è un bel colpo !!!!

 

Quando interviene il crollo generale delle valute « carta » forza sarà che un paese senza Or sarà senza dubbio un paese schiavo, perché non può comprare o vendere senza oro e il suo popolo sarà schiavi.

 

La Fed, finché non appare il contrario di essere un’organizzazione di servizio demoniaco LUCIFERO per sedurre le nazioni e gli Stati Uniti sembra essere il braccio di Lucifero di asservire il popolo …!

 

Quando interviene crollo del dollaro e tutte le valute di carta, come l’effetto domino, la Fed quindi tenere abbastanza oro per permettere agli Stati Uniti di reintrodurre i suoi dettami al mondo.

 

Dobbiamo andare, ovviamente, non ci abbiniamo per viso questi apostoli di Satana che è la Fed e gli Stati Uniti.

 

Anche democraticamente votare per i partiti politici estremi !!!

 

Quindi non vergognarti della tua vita precaria, né della vostra miseria, in quanto sono destinati e organizzati da questi apostoli di Satana per renderci schiavi.

 

 

Ricordate che la nostra forza deve essere la nostra fede.

 

 

Gesù Cristo ha promesso di venire salvarci alla fine dei tempi e visibilmente siamo.

 

Molto presto Gesù tornerà e ci libererà da questi rapaci, mostri assetati di sangue che ci hanno ridotto in questo stato di schiavitù e di ciò che siamo costretti e costretti a presentare.

 

Gli apostoli di Satana hanno il potere di farci soffrire ancora e di nuovo nel nostro corpo e nella nostra mente, ma non possono fare nulla contro la fede che anima i nostri cuori e le nostre anime.

 

La Fiamma e la forza della nostra fede illuminano il nostro cammino e ci permettono di andare avanti nel buio della fine del tempo.

666

Vi invito a leggere con attenzione il libro di Pierre Jovanovic 666 spiega molto bene « elementi di prova » che la guerra ORO guidata dagli Stati Uniti contro il mondo.

http://www.jovanovic.com/fjeva.htm

 

Ben presto gli apostoli di Satana, si affronteranno nella fase finale della guerra di Armageddon.

 

Da una parte abbiamo « islamisti » Army Falso Profeta Muhammad attaccherà Israele e dall’altro lato del Grand Dragon Army guidata dagli Stati Uniti e che sarà assistito molti paesi per liberare Israele.

 

L’obiettivo sembra lodevole per i paesi che combattono con gli Stati Uniti in grado di lottare per la difesa del popolo di Israele.

 

Ma alla fine ha l’unico obiettivo da parte degli USA sarà la schiavitù generale del pianeta dal Caos!

 

Il grande drago « Satana » è il re di imbroglioni ha promesso ai suoi apostoli (EDF e gli Stati Uniti) per essere leader a livello mondiale quando ha preso il controllo di tutto il pianeta.

USA FIN

 

Sì, ma ora, c’è una piccola pietra!

daniel

Porterà giù all’ultimo momento

il piano definitivo di Lucifero!

 

 

Non so che cosa dire e fare il Vaticano e due papi nella fase terminale degli ultimi tempi che saranno il confronto.

 

Ma data l’efficacia e l’esemplare che ha dimostrato quanto il Trattato del Laterano (11 febbraio 1929) e che mostrano ancora oggi simpatizzare con i leader di altre religioni, che riceve il Vaticano e impegnandosi con loro nella preghiera comune.

.

Preghiere a chi? dal momento che le altre religioni non riconoscere che Gesù Cristo è l’unico figlio di Dio! E che Gesù Cristo ha detto:

« Io sono la via e la vita, nessuno viene al Padre se non per me! »

 

Quindi penso che sia meglio e anche consigliato di metterci direttamente preghiera nelle mani della Vergine Maria, Gesù Cristo e di Dio.

 

abbiamo bisogno di capire che Gesù Cristo verrà inizialmente per salvare la sua chiesa fedele avido e non pentiti la chiesa ufficiale e fredda a volte caldo.

 

Nella seconda volta che giudicherà il suo ritorno agli uomini e le nazioni della Terra.

 

Data Beato,

Che può andare bene per quest’anno!

Vedere il mio articolo:

 

IL RITORNO DI GESÙ CRISTO IL 14 MAGGIO O 15 settembre 2015!DURANTE LA FESTA DI TROMBE

 

Devo dire che viviamo veramente la fine del tempo annunciando il ritorno del nostro Signore Gesù Cristo.

 

L’adempimento dei segni e profezie come prova effettiva concreta del suo ritorno per la nostra generazione.

 

Citerò solo un segno che è una profezia di Gesù Cristo stesso e dimostra che il suo ritorno è un bene per la nostra generazione.

 

Gli apostoli di Gesù Cristo gli ha chiesto circa i tempi finali e il ritorno sulla Terra.

 

Gesù spiega quindi i segni della sua venuta, e veniamo a sapere che, quando i segni cominciano e profezie bibliche della fine dei tempi e ritorno,  quindi la generazione che vedrà i primi segni e le profezie vedrà il suo ritorno.

 

E ’14 Maggio 1948 che ha iniziato i segni e profezie.

Il primo segno è stata la creazione dello Stato di Israele.

 

Una vita di essere umano fino a 120 anni, quindi questo è l’anno 2068 sembra essere il termine per il ritorno del nostro Signore Gesù Cristo secondo la sua parola.

 

Tuttavia un uomo nella generazione Bibbia è di 70 anni e in questo caso il termine sarà 2018.

 

Ma dobbiamo anche tener conto del fatto che i dolori del ritorno del Signore Gesù Cristo, sono come i dolori del parto e quindi più luminosa fino al suo ritorno.

 

Al ritmo attuale di eventi sembra chiaro che i prossimi mesi e nel peggiore dei casi per i prossimi anni, si spera ritorno del nostro Signore Gesù Cristo per l’umanità è già nel 2015 l’abisso.

 

Se dobbiamo aspettare qualche anno, fino alla venuta del ritorno nella gloria del nostro Salvatore, Signore e Re Gesù Cristo, l’unico figlio di Dio, allora sappiamo che i prossimi anni saranno terribile attesa e persino terribile.

 

Il segno profetico di Gesù Cristo è in:

Matteo capitolo 24 versetti 33 e 34

 

Collegamento End Time

 

33 Allo stesso modo, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che il Figlio dell’uomo è vicino, alle porte.

34 vi dico la verità, questa generazione non passerà prima che tutte queste cose accadere.

 

Seguire notizie dal mondo!

Tutti i miei articoli per il link:

http://wordpress.com/read/blog/id/10443259/

 

 

Domenica la nostra Pasqua festeggiare!

Sarà un giorno di gioia in molti Foyers.

candela candela-anim

Dopo essere stato messo a morte Gesù Cristo è vivo per volontà di Dio Padre.

Vi invito, miei cari fratelli e sorelle in Cristo, di leggere o rileggere il Vangelo di Giovanni in particolare i capitoli 19 e 20 della morte e risurrezione di Gesù Cristo.

Link:     http://www.info-bible.org/lsg/43.Jean.html

Giovanni 1

1.1

In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio.

1.2

E ‘stato in principio presso Dio.

1.3

Tutto è stato fatto per mezzo di lui, e nulla di ciò che è stato fatto è stato fatto senza di essa.

1.4

In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini.

1.5

La luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno accolta.

1.6

C’era un uomo mandato da Dio, il cui nome era Giovanni.

1.7

Egli venne come testimone per rendere testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui.

1.8

Egli non era la luce, ma doveva render testimonianza alla luce.

1.9

Questa luce è la vera luce che, venendo al mondo, illumina ogni uomo.

1.10

Egli era nel mondo, e il mondo fu fatto per mezzo di lui, il mondo non lo riconobbe.

1.11

Venne fra la sua gente, e suoi non l’hanno accolto.

1.12

Ma a tutti coloro che lo hanno ricevuto, a quelli che credono nel suo nome, ha dato potere di diventare figli di Dio, che sono nati,

1.13

non da sangue, né da volere di carne, né da volere di uomo, ma da Dio.

1.14

E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi, pieno di grazia e di verità; e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre.

1.15

John gli rende testimonianza e grida: Questo è quello che ho detto, ‘Colui che viene dopo di me mi ha superato, perché era prima di me.

1.16

E noi tutti abbiamo ricevuto dalla sua pienezza, e grazia su grazia;

1.17

Per la legge fu data per mezzo di Mosè, ma la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.

1.18

Nessuno ha mai visto Dio; il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre è colui che lo ha fatto conoscere.

1.19

Ecco la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da sacerdoti e leviti a chiedergli Gerusalemme, Chi sei tu?

1.20

Ha dichiarato, e non ha negato, ha dichiarato che non era il Cristo.

1.21

Ed essi gli domandarono: Che dunque? Sei Elia? Ed egli disse, io non sono. Sei tu il profeta? Ed egli rispose: No.

1.22

Essi gli dissero: Chi sei tu? che possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che dici di te stesso?

1.23

Me, mi ha detto, io sono la voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, come disse il profeta Isaia.

1.24

Coloro che sono stati inviati venivano dai farisei.

1.25

Ed essi gli domandarono: Perché dunque battezzi se tu non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?

1.26

Giovanni rispose, Io battezzo con acqua, ma in mezzo a voi c’è qualcuno che non sai chi viene dopo di me;

1.27

Io non sono degno di sciogliere le sue scarpe.

1.28

Queste cose si sono svolte in Betania al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

1.29

Il giorno dopo, Giovanni vedendo Gesù venire verso di lui, e disse: Ecco l’Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo.

1.30

Questo è quello che ho detto, ‘Dopo di me viene un uomo davanti a me, perché era prima di me.

1.31

Non lo so, ma che egli sia manifestato a Israele, sono venuto a battezzare con acqua.

1.32

Giovanni testimoniò: Ho visto lo Spirito scendere dal cielo come una colomba, e fermarsi su di lui.

1.33

Io non lo conosco, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua, lo stesso mi disse: Colui sul quale vedrai lo Spirito scendere e rimanere, è colui che battezza in Spirito Santo.

1.34

E vidi, e ho reso testimonianza che questi è il Figlio di Dio.

1.35

Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli;

1.36

E lo sguardo su Gesù che passava, disse: Ecco l’Agnello di Dio.

1.37

I due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.

1.38

Gesù si voltò e li vide in seguito, ha detto: Che cosa stai cercando? Gli risposero: Rabbì (che significa Maestro), dove abiti?

1.39

Vieni, ‘ha detto, e vedere. Andarono dunque e videro dove abitava, e rimasero con lui quel giorno. Era circa l’ora decima.

1.40

Andrea, fratello di Simon Pietro, era uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo seguì.

1.41

Fu lui che per primo suo fratello Simone, e gli disse: Abbiamo trovato il Messia (che significa il Cristo).

1.42

E lo condusse da Gesù. Gesù lo guardò e disse: Tu sei Simone, il figlio di Giona: tu sarai chiamato Cefa (che vuol dire Pietro).

1.43

Il giorno seguente, Gesù volle partire per la Galilea; trovò Filippo. Egli disse: Seguimi.

1.44

Filippo era di Betsaida, la città di Andrea e di Pietro.

1.45

Filippo incontrò Natanaèle e gli disse: Abbiamo trovato colui del quale Mosè nella Legge ei Profeti ha fatto scrivere, Gesù di Nazaret, figlio di Giuseppe.

1.46

Natanaele gli disse: Può venire da Nazaret qualcosa di buono? Filippo gli rispose: Vieni a vedere.

1.47

Gesù intanto, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: Ecco un vero Israelita, in cui non c’è falsità.

1.48

Dove mi conosci? Natanaele gli disse. Gesù gli rispose: Prima che Filippo ti chiamasse, quando eri sotto il fico, ho visto te.

1.49

Natanaele gli rispose: Maestro, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele.

1.50

Gesù gli rispose: Perché ti ho detto che ti ho visto sotto il fico, credi;Vedrai cose maggiori di queste.

1.51

Ed egli disse: In verità, in verità, vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell’uomo.

Giovanni 2

2.1

Tre giorni dopo, ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea. La madre di Gesù era lì,

2.2

e anche Gesù è stato invitato alle nozze con i suoi discepoli.

2.3

Vino Wanted, la madre di Gesù gli disse: Non hanno più vino.

2.4

Gesù rispose, donna, quello che ha tra me e te? La mia ora non è ancora giunta.

2.5

La madre dice ai servi, che vi dirà.

2.6

Vi erano là sei giare di pietra, la purificazione dei Giudei, contenenti ciascuna due o tre misure.

2.7

Gesù disse loro: Riempite d’acqua le giare. E le riempirono fino all’orlo.

2.8

Ora attingete, ‘, ha detto, e prendere al maestro di tavola. Ed essi gliene portarono.

2.9

Quando il capocameriere assaggiato l’acqua che era diventata vino, e non sapeva da dove venisse, ma i servi che avevano attinto l’acqua conoscevano bene la chiamò lo sposo,

2.10

e disse: Ognuno serve il vino buono e poi il vino più economico dopo che abbiamo ottenuto ubriachi; hai custodito il vino buono fino ad ora.

2.11

Tale, in Cana di Galilea, il primo dei miracoli ha fatto Gesù. Egli manifestò la sua gloria ei suoi discepoli credettero in lui.

2.12

Dopo questo fatto, discese a Cafarnao, con sua madre, i suoi fratelli ei suoi discepoli, e rimase lì a pochi giorni.

2.13

La Pasqua dei Giudei era vicina, e Gesù salì a Gerusalemme.

2.14

Trovò nel tempio gente che vendono buoi e pecore e colombe, ei cambiavalute di denaro seduta.

2.15

Avendo fatto una sferza di cordicelle, scacciò tutti fuori del tempio, sia le pecore ei buoi; ha versato il denaro dei cambiavalute e rovesciò le tavole;

2.16

e ha detto ai colombi, di qui queste cose; non fate della casa del Padre mio un luogo di mercato.

2.17

I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: Lo zelo della tua casa mi consuma.

2.18

Gli risposero i Giudei e disse: Quale segno ci mostri cosa per farlo?

2.19

Gesù rispose loro: Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere.

2.20

Gli ebrei dicono, Ci sono voluti 46 anni per costruire questo tempio, e tu in tre giorni risorgere!

2.21

Ma egli parlava del tempio del suo corpo.

2.22

Pertanto, quando fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola che Gesù aveva detto.

2.23

Mentre Gesù era in Gerusalemme alla festa di Pasqua, molti credettero nel suo nome, vedendo i miracoli che ha fatto.

2.24

Ma Gesù non si fidava di loro, perché conosceva tutti gli uomini,

2.25

e perché aveva bisogno di non avea bisogno della testimonianza di uomo: egli infatti sapeva quello che era nell’uomo.

Giovanni 3

3.1

Ma c’era un uomo dei farisei di nome Nicodemo, un capo dei Giudei

3.2

Questo uomo è venuto in mente di Gesù di notte e gli disse: Maestro, noi sappiamo che tu sei un maestro venuto da Dio: perché nessuno può fare questi miracoli che tu fai, se Dio non è con lui.

3.3

Gesù rispose: In verità, in verità io ti dico, se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio.

3.4

Nicodemo gli disse: Come può un uomo nascere quando è vecchio? Può forse entrare nel grembo della madre e rinascere?

3.5

Gesù rispose: In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio.

3.6

Quel che è nato dalla carne è carne e quel che è nato dallo Spirito è Spirito.

3.7

Non meraviglia che ti ho detto, è necessario nascere di nuovo.

3.8

Il vento soffia dove vuole, e si sente il suono; ma non sai da dove viene e dove va. Questo è di chiunque è nato dallo Spirito.

3.9

Nicodemo gli disse: Come possono queste cose?

3.10

Gesù gli rispose: Tu sei maestro in Israele e non sai queste cose!

3.11

In verità, in verità io ti dico, noi parliamo di quel che sappiamo, e testimoniamo quel che abbiamo visto; e voi non ricevete la nostra testimonianza.

3.12

Se non credete quando ho parlato delle cose terrene, come crederete se vi parlerò di cose del cielo?

3.13

Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo che è nel cielo.

3.14

E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che il Figlio dell’uomo sia innalzato:

3.15

perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.

3.16

Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna.

3.17

Perché Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui.

3.18

Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio.

3.19

E questa è la condanna, che la luce è venuta nel mondo, e gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie.

3.20

Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce, affinché le sue opere non siano scoperte;

3.21

ma chi fa la verità viene alla luce, affinché le sue opere siano manifestate, perché sono fatte in Dio.

3.22

Dopo questo, Gesù ei suoi discepoli andarono nel paese della Giudea;Rimase lì con loro, e battezzava.

3.23

Anche Giovanni battezzava in Enon, vicino Salim, perché c’era molta acqua; ed essi vennero e furono battezzati.

3.24

Per John non è stato ancora messo in prigione.

3.25

Ma si alzò dalla discepoli di Giovanni con un Ebreo su purificazione.

3.26

Sono venuti a Giovanni e gli dissero: Maestro, colui che era con te di là del Giordano, e al quale tu rendesti testimonianza, ecco, lui battezza, e tutti vengono a lui.

3.27

Giovanni rispose, un uomo può ricevere solo ciò che gli viene dato dal cielo.

3.28

Voi stessi mi siete testimoni che ho detto, io non sono il Cristo, ma io sono stato mandato davanti a lui.

3.29

Colui che ha la sposa è lo sposo; ma l’amico dello sposo, che è presente e l’ascolta, esulta di gioia alla voce dello sposo: questa la mia gioia che è mio, è perfetto.

3.30

Egli deve crescere e io invece diminuire.

3.31

Colui che viene dall’alto è sopra tutti; uno che è della terra è della terra e parla della terra. Chi viene dal cielo è sopra tutti,

3.32

Egli testimonia ciò che ha visto e udito, e nessuno riceve la sua testimonianza.

3.33

Chi ha ricevuto la sua testimonianza ha certificato che Dio è vero;

3.34

Per colui che Dio ha mandato proferisce le parole di Dio, perché Dio non dà lo Spirito con misura.

3.35

Il Padre ama il Figlio e gli ha dato ogni cosa in mano.

3.36

Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non crede al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio dimora su di lui.

Giovanni 4

4.1

Il Signore sapeva che i farisei avevano udito che Gesù ha fatto e battezzato più discepoli di Giovanni.

4.2

Ma Gesù non ha fatto lui stesso battezzato, ma i suoi discepoli.

4.3

Così lasciò la Giudea e ritornò in Galilea.

4.4

E deve esigenze passare per la Samaria,

4.5

giunse a una città della Samaria chiamata Sicar, vicina al terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio.

4.6

C’era il pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, stanco del viaggio, sedeva presso il pozzo. Era circa l’ora sesta.

4.7

Una donna samaritana venne ad attingere acqua. Gesù le disse: Dammi da bere.

4.8

I suoi discepoli erano andati in città per comprare il cibo.

4.9

La Samaritana gli disse: Come, essendo un Ebreo, chiedi da bere a me, una donna samaritana? Per gli ebrei, infatti, non hanno relazioni con i Samaritani. –

4.10

Gesù gli rispose: Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: Dammi da bere! ‘Tu stessa gliene avresti chiesto da bere, ed egli ti avrebbe dato acqua viva.

4.11

Signore ‘, disse la donna, non hai nulla per attingere e il pozzo è profondo; dove si ottiene che l’acqua viva?

4.12

Sei tu più grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede questo pozzo e ne bevve lui stesso, e di suo figlio e il suo bestiame?

4.13

Gesù rispose: Chiunque beve di quest’acqua avrà di nuovo sete;

4.14

ma chi beve dell’acqua che io gli darò, non avrà mai più sete, anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una fonte d’acqua che scaturisce in vita eterna.

4.15

La donna gli disse: Signore, dammi di quest’acqua, che io non abbia più sete, e vengo qui a disegnare.

4.16

Go, ha detto Gesù, chiamare tuo marito e vieni qui.

4.17

La donna ha detto, non ho marito. Gesù disse: Ha fatto bene a dire: Non ho marito.

4.18

Per hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito. Quello che hai detto veramente.

4.19

Signore ha detto la donna, vedo che tu sei un profeta.

4.20

I nostri padri hanno adorato su questo monte; e tu dici, tu, il luogo in cui bisogna adorare è a Gerusalemme.

4.21

Donna, gli disse, mi creda, è giunto il momento, quando sarete né su questo monte, né in Gerusalemme adorerete il Padre.

4.22

Voi adorate quel che non conoscete; noi adoriamo quello che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei.

4.23

Ma il tempo sta arrivando ed è giunto in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; perché sono il tipo di adoratori del Padre cerca.

4.24

Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorarlo in spirito e verità.

4.25

La donna disse: Io so che sta arrivando il Messia (che è chiamato Cristo);quando sarà venuto, egli ci annunzierà ogni cosa.

4.26

Gesù ha detto, io sono, io che parlo.

4.27

E su questo è venuto ai suoi discepoli, e si meravigliò che ha parlato con una donna. Eppure nessuno ha detto: Che cosa chiedete? o, Perché parli con lei?

4.28

Così la donna lasciò la brocca, andò in città e disse alla gente:

4.29

Venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto; sia il Cristo?

4.30

Hanno lasciato la città, ed essi andarono da lui.

4.31

Nel frattempo, i discepoli lo pregavano di mangiare, dicendo: Maestro, mangia.

4.32

Ma egli disse: Io ho un cibo da mangiare che voi non conoscete.

4.33

I discepoli dunque dissero l’un l’altro: qualcuno gli ha portato da mangiare?

4.34

Gesù disse loro: Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera.

4.35

Non dire che ci sono ancora quattro mesi fino alla vendemmia? Ecco, io vi dico: Levate i vostri occhi e guardate i campi che già maturi per il raccolto.

4.36

E chi miete riceve salario e raccoglie frutto per la vita eterna, in modo che chi semina e chi miete gioire insieme.

4.37

Poiché in questo è vero il detto, ‘uno semina e l’altro miete.

4.38

Io vi ho mandati a mietere ciò che non avete lavorato; altri hanno lavorato e voi siete subentrati nel loro lavoro.

4.39

Molti Samaritani di quella città credettero in lui a causa di questa dichiarazione formale di donne: mi ha detto tutto quello che ho fatto.

4.40

Così, quando i Samaritani giunsero da lui, lo pregarono di restare con loro. Vi rimase due giorni.

4.41

Un molto più credettero per la sua parola;

4.42

Hanno detto alla donna: Non è più a causa di ciò che lei ha detto che noi crediamo, perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo che è veramente il salvatore del mondo.

4.43

Dopo due giorni, partì di là, e andò in Galilea;

4.44

perché lui stesso aveva dichiarato un profeta non riceve onore nella sua patria.

4.45

Quando arrivò in Galilea, era i Galilei lo accolsero, avendo visto tutto quello che aveva fatto a Gerusalemme durante la festa: poiché anch’essi erano andati alla festa.

4.46

E quindi di nuovo a Cana di Galilea, dove ha fatto l’acqua in vino. C’era in Cafarnao un nobile, il cui figlio era malato.

4.47

Avendo udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e lo pregò di scendere a guarire suo figlio, che stava morendo.

4.48

Gesù disse: Se non vedete segni e prodigi, voi non credete.

4.49

Il nobile gli disse: Signore, scendi prima che il mio bambino muoia.

4.50

Go, ha detto Gesù, tuo figlio vive. E l’uomo credette alla parola che Gesù ha parlato a lui, e se ne andò.

4.51

Mentre scendeva, i suoi servi venire verso di lui, lo ha portato, dicendo, vive il tuo bambino.

4.52

Ha chiesto loro a che ora ha cominciato a stare meglio; e gli disse: Ieri, un’ora dopo mezzogiorno la febbre lo ha lasciato.

4.53

Il padre sapeva che era a quell’ora in cui Gesù gli disse: Tuo figlio vive. E credette lui con tutta la sua casa.

4.54

Gesù ha fatto questo secondo miracolo quando fu venuto dalla Giudea in Galilea.

John 5

5.1

Dopo questo ci fu una festa dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme.

5.2

Ora a Gerusalemme, vicino alla porta delle Pecore c’è una piscina che si chiama in ebraico Betesda, che ha cinque portici.

5.3

In queste giaceva un gran numero di infermi, ciechi, halt, appassito, aspettavano l’agitarsi dell’acqua;

5.4

Per un angelo è andato giù di volta in volta in piscina, e turbato l’acqua;e chi poi la prima dopo che l’acqua era stata agitata era guarito, qualunque sia la sua malattia.

5.5

Qui era un uomo malato da trentotto anni.

5.6

Gesù vide lo trovano, e sapeva che aveva da tempo gli disse: Vuoi esser risanato?

5.7

L’infermo gli rispose: Signore, io non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua è mossa, ma mentre ci vengo io, un altro scende prima di me.

5.8

Alzati, disse Gesù, prendi il tuo lettuccio e cammina.

5.9

E subito l’uomo è stato fatto tutto, prese il suo letto e camminare.

5.10

E ‘stato un sabato. I Giudei gli dissero che era stato guarito, è il sabato;non è lecito per te per portare il tuo lettuccio

5.11

Egli rispose loro: Colui che mi ha fatto bene mi ha detto: Prendi il tuo lettuccio e cammina.

5.12

Gli chiesero: Chi è l’uomo che ha detto: Prendi il tuo lettuccio e cammina?

5.13

Ma colui che era stato guarito non sapeva chi fosse; Gesù si era ritirato, essendovi in ​​quel luogo.

5.14

Poi Gesù lo trovò nel tempio, e gli disse: Ecco, tu sei guarito; Sin non più, perché non ti succeda qualcosa di peggio.

5.15

L’uomo se ne andò e disse ai Giudei che era Gesù che lo aveva guarito.

5.16

Questo è il motivo per cui gli ebrei perseguitati Gesù, perché faceva tali cose di sabato.

5.17

Ma Gesù rispose loro: Il Padre mio opera fino ad ora; Anch’io sto lavorando.

5.18

A causa di questo, i Giudei cercavano ancor più di ucciderlo, perché non soltanto violava il sabato, ma ha detto anche che Dio era suo Padre, facendosi uguale a Dio.

5.19

Quando Gesù parlò di nuovo, e disse: In verità, in verità io vi dico che il Figlio non può fare nulla di se stesso, lo fa solo ciò che vede fare dal Padre; e quello che egli fa, il Figlio lo fa.

5.20

Per il Padre ama il Figlio e gli mostra tutto quello che fa; ed egli gli mostrerò opere maggiori di queste, affinché possiate ammirare.

5.21

Per come il Padre risuscita i morti e dà loro la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi vuole.

5.22

Il Padre non giudica nessuno, ma ha rimesso ogni giudizio al Figlio,

5.23

che tutti onorino il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato.

5.24

In verità, in verità io vi dico, colui che ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.

5.25

In verità, in verità io vi dico: L’ora viene, ed è questo, in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio; e coloro che ascoltano vivranno.

5.26

Per come il Padre ha vita in se stesso, così ha concesso al Figlio di avere la vita in se stesso.

5.27

E gli ha dato il potere di giudicare, perché è Figlio dell’uomo.

5.28

Non vi meravigliate di questo; per l’ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la sua voce e ne usciranno.

5.29

Coloro che hanno operato bene, in risurrezione di vita, quelli che hanno fatto il male, in risurrezione di giudizio.

5.30

Posso fare nulla di me stesso: come odo, giudico; e il mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.

5.31

Se io rendo testimonianza di me stesso, la mia testimonianza non è vera.

5.32

C’è un altro che rende testimonianza di me, e so che la testimonianza che egli rende di me è vero.

5.33

Hai inviato a John, e lui ha testimoniato la verità.

5.34

Per me non è un uomo che ricevo la testimonianza; ma lo dico in modo che si può essere salvato.

5.35

Era un lampada ardente e splendente: e voi avete voluto godere alla sua luce.

5.36

Ho una testimonianza maggiore di quella di Giovanni; perché le opere che il Padre mi ha dato da compiere, quelle opere stesse che faccio, testimoniano di me, che è il Padre che mi ha mandato.

5.37

E il Padre che mi ha mandato è lui stesso reso testimonianza di me.Avete mai sentito la sua voce, non avete visto;

5.38

e la sua parola che dimora in voi, perché non credete in colui che egli ha mandato.

5.39

Voi scrutate le Scritture, perché pensate che in loro la vita eterna: e sono quelle che testimoniano di me.

5.40

E non venite a me per tutta la vita!

5.41

Io non ricevo gloria dagli uomini.

5.42

Ma so che non avete in voi l’amore di Dio.

5.43

Io sono venuto nel nome del Padre mio, e voi non mi ricevete; se un altro venisse nel proprio nome, voi lo riceverete.

5.44

Come potete credere, voi che prendete gloria gli uni dagli altri, e non cercate la gloria che viene da Dio solo?

5.45

Non pensate che io vi accuserà al Padre; chi vi accusa è Mosè, nel quale avete riposto la vostra speranza.

5.46

Perché se credeste a Mosè, mi si creda, egli ha scritto di me.

5.47

Ma se non credete ai suoi scritti, come crederete alle mie parole?

John 6

6.1

Dopo questo, Gesù andò all’altra riva del mare di Galilea, Tiberiade.

6.2

Una grande folla lo seguiva, vedendo i miracoli ch’egli faceva sugli infermi.

6.3

Gesù salì sul monte e là si sedette con i suoi discepoli.

6.4

Ora la Pasqua era vicino, la festa dei Giudei.

6.5

Alzò gli occhi e vide una grande folla veniva da lui, Gesù disse a Filippo: Dove possiamo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?

6.6

Ha detto che questo per metterlo alla prova, egli infatti sapeva quello che stava per fare.

6.7

Filippo gli rispose, pani per duecento denari non sarebbero sufficienti per tutti di prendere un po ‘.

6.8

Uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro, ha detto:

6.9

C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cosa sono per tanta gente?

6.10

Gesù disse, Fateli sedere. C’era in questo posto un sacco di erba. Si sedettero, in numero di circa cinquemila.

6.11

Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li distribuì a quelli che erano seduti; ha dato loro anche il pesce, molto come farebbero.

6.12

E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto.

6.13

Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi rimasti dei cinque pani d’orzo, che avevano mangiato.

6.14

Queste persone hanno visto il miracolo che Gesù ha fatto, ha detto, questo è davvero il profeta che deve venire nel mondo.

6.15

Gesù, sapendo che sarebbero venuti e prendere per farlo re, si ritirò di nuovo sulla montagna, tutto solo.

6.16

Venuta la sera, i suoi discepoli scesero al mare.

6.17

Essendo entrato in una nave, e se ne andò sul mare a Cafarnao. Era ormai buio, e Gesù non era ancora venuto.

6.18

E ‘un grande vento che soffia e il mare era agitato.

6.19

Dopo aver remato circa tre o quattro miglia, videro Gesù che camminava sul mare e si avvicina alla barca. E avevano paura.

6.20

Ma Gesù disse loro: Sono io; non abbiate paura!

6.21

Volevano portarlo nella barca, e subito la barca era al paese dove sono andati.

6.22

La folla che si trovava dall’altra parte del mare, notò che c’era una barca sola, e che Gesù non era entrato nella barca con i suoi discepoli, ma erano andati solo .

6.23

Il giorno dopo, le altre barche di Tiberiade si avvicinarono al luogo dove avevano mangiato il pane dopo che il Signore aveva reso grazie,

6.24

persone tra la folla vide che né Gesù né i suoi discepoli erano lì, si salirono le barche e venne a Cafarnao alla ricerca di Gesù.

6.25

E quando hanno trovato al di là del mare, gli dissero: Maestro, quando sei venuto qui?

6.26

Gesù rispose loro: In verità, in verità io vi dico, voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e sono stati riempiti.

6.27

Procuratevi non il cibo che perisce, ma per quello che dura per la vita eterna, che il Figlio dell’uomo vi darà; perché è colui che il Padre, Dio ha messo il suo sigillo.

6.28

Essi gli dissero: Che cosa dobbiamo fare per compiere le opere di Dio?

6.29

Gesù rispose loro, l’opera di Dio è che crediate in colui che egli ha mandato.

6.30

Quale segno fai, gli dissero, che possiamo vedere, e crediamo che? Cosa sei disposto a fare?

6.31

I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: Egli ha dato loro pane dal cielo da mangiare.

6.32

Gesù disse loro: In verità, in verità io vi dico, Mosè non ha dato il pane dal cielo, ma il Padre mio vi dà il vero pane dal cielo;

6.33

Il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo.

6.34

Essi gli dissero: Signore, dacci sempre questo pane.

6.35

Gesù disse loro: Io sono il pane della vita. Chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà più sete.

6.36

Ma io vi ho detto, mi hai visto, e non credere.

6.37

Tutto ciò che il Padre mi dà verrà a me, e io non lo respingerò, colui che viene a me;

6.38

Poiché io sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.

6.39

Ora, la volontà di colui che mi ha mandato è che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma lo risusciti nell’ultimo giorno.

6.40

La volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.

6.41

I Giudei mormoravano di lui perché aveva detto: Io sono il pane disceso dal cielo.

6.42

E dicevano, non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe, che conosciamo il padre e la madre? Come può ora dire, mi è venuto giù dal cielo?

6.43

Gesù rispose loro: Non mormorate tra voi.

6.44

Nessuno può venire a me, se il Padre che mi ha mandato non lo attira; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.

6.45

Sta scritto nei profeti: E tutti saranno ammaestrati da Dio. Perciò chiunque ascolta il Padre e ha imparato viene a me.

6.46

Non che qualcuno abbia visto il Padre, se non colui che è da Dio; questo ha visto il Padre.

6.47

In verità, in verità io vi dico: Chi crede in me ha la vita eterna.

6.48

Io sono il pane della vita.

6.49

I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti.

6.50

Questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia.

6.51

Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno; e il pane che io darò è la mia carne, che darò per la vita del mondo.

6.52

Allora, gli ebrei disputavano fra di loro, dicendo: Come può costui darci la sua carne da mangiare?

6.53

Gesù disse loro: In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo, e se si beve il suo sangue, non avete la vita in voi.

6.54

Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.

6.55

Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.

6.56

Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui.

6.57

Come il Padre vivente mi ha mandato e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia di me vivrà per me.

6.58

Questo è il pane disceso dal cielo. Non è come i vostri padri mangiarono la manna, e sono morti: chi mangia questo pane vivrà in eterno.

6.59

Queste cose che ha detto nella sinagoga, ha insegnato a Cafarnao.

6.60

Molti dei suoi discepoli, quando hanno sentito, ha detto, questo è duro;chi lo può ascoltare?

6.61

Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano di questo, disse loro: Ti offendersi?

6.62

E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? …

6.63

È lo Spirito che dà la vita; la carne non giova nulla. Le parole che vi ho dette sono spirito e vita.

6.64

Ma ci sono alcuni di voi che non credono. Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito.

6.65

Ed egli disse: Questo è il motivo per cui vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre.

6.66

Da quel momento molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui.

6.67

Così Gesù disse ai Dodici, Non vuoi anche andare via?

6.68

Simon Pietro gli rispose: Signore, a chi andremo? Tu hai parole di vita eterna.

6.69

E noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio.

6.70

Gesù rispose loro: Non è te dodici ho scelto? E uno di voi è un diavolo?

6.71

Parlava di Giuda Iscariota, figlio di Simone; perché era lui che doveva tradirlo, uno dei Dodici.

John 7

7.1

Dopo queste cose, Gesù entrò in Galilea: per lui non andare per la Giudea, perché i Giudei cercavano di ucciderlo.

7.2

Ora, la festa dei Giudei, la festa delle Capanne era a portata di mano.

7.3

E i suoi fratelli gli dissero: Parti di qui e andare in Giudea, affinché i tuoi discepoli vedano le opere che tu fai.

7.4

Nessuno è in segreto, quando cerca di essere se fate queste cose, te mostrare al mondo.

7.5

Infatti, anche i suoi fratelli non credevano in lui.

7.6

Gesù disse loro, non è ancora giunta la mia ora, ma il tempo è sempre pronto.

7.7

Il mondo non può odiare voi; me, mi odia perché io testimonio che lo riguardano che le sue opere sono il male.

7.8

Si sale a questa festa; per me, salgo, perché il mio tempo non è ancora compiuto.

7.9

Dopo aver detto questo, rimase in Galilea.

7.10

Quando i suoi fratelli erano andati alla festa, andò anche se stesso, non apertamente, ma in segreto.

7.11

I Giudei lo cercavano durante la festa, e disse, Dov’è?

7.12

C’era molta mormorio tra la gente in materia. Alcuni dicevano, questo è un uomo buono. Altri dicevano: No, è fuorviante la moltitudine.

7.13

Nessuno, però, nessuno parlava di lui apertamente, per paura dei Giudei.

7.14

Entro la metà della festa, Gesù salì al tempio. E insegnato.

7.15

E gli ebrei stupiti e dicevano: Come mai s’intende costui di lettere, non avendo mai imparato?

7.16

Gesù rispose loro: La mia dottrina non è mia, ma di colui che mi ha mandato.

7.17

Se qualcuno vuole fare la sua volontà, lui, conoscerà se questa dottrina è da Dio, o se io parlo di me stesso.

7.18

Chi parla di suo cerca la propria gloria; ma chi cerca la gloria che l’ha mandato, lo stesso è vero, e non vi è l’ingiustizia in lui.

7.19

Mosè non ha ha dato la legge? E nessuno di voi osserva la legge. Perché stai cercando di uccidermi?

7.20

La folla rispose: Tu hai un demonio. Chi è che cerca di ucciderti?

7.21

Gesù rispose loro: ho fatto un lavoro, e voi tutti meraviglia.

7.22

Mosè vi ha dato la circoncisione, non che venga da Mosè, ma dai patriarchi e voi circoncidete un uomo in giorno di sabato.

7.23

Se un uomo riceve la circoncisione di sabato affinché la legge di Mosè non può essere rotto, perché si irriti contro di me perché ho fatto un uomo tutto di sabato?

7.24

Non giudicate secondo l’apparenza, ma giudicate con giusto giudizio.

7.25

Alcuni abitanti di Gerusalemme hanno detto, non è questi colui che cercano di uccidere?

7.26

Ed ecco, egli parla liberamente, e non gli dicono niente! È davvero i governanti sanno che egli è il Cristo?

7.27

Ma questo, si sa dove si trova; ma Cristo quando arriva, nessuno sa dove sia.

7.28

E Gesù insegnava nel tempio, pianto, Tu mi conosci, e sai dove sono! Io non venni: ma colui che mi ha mandato è vero, e tu non lo so.

7.29

Lo so; perché io sono da lui e lui mi ha mandato.

7.30

Poi hanno cercato di prenderlo: e nessuno gli mise le mani addosso, perché la sua ora non era ancora arrivato.

7.31

Molte delle persone che credevano in lui, e dissero, quando Cristo viene, farà egli più miracoli che ha fatto questo?

7.32

I farisei udirono la moltitudine mormorare queste cose di lui. Allora i sommi sacerdoti ei farisei mandarono delle guardie per arrestarlo.

7.33

Gesù ha detto, io sono con voi per un po ‘, e poi vado da colui che mi ha mandato.

7.34

Voi mi cercherete e non mi troverete, non potete venire dove mi trovo.

7.35

Allora i Giudei dissero fra loro, Dove andrà, che noi non lo troviamo? Sarà lui tra coloro che sono sparsi tra i Greci, e insegnerà i greci?

7.36

Che cosa è questa parola che ha detto, Voi cercate me e non mi troverete, voi non potete venire dove mi trovo?

7.37

L’ultimo giorno, il grande giorno della festa, Gesù levatosi in piedi esclamò, Se qualcuno ha sete, venga a me e beva.

7.38

Chi crede in me, fiumi d’acqua viva sgorgheranno dal suo seno, come dice la Scrittura.

7.39

Lo dice a proposito dello Spirito che dovrebbero ricevere i credenti in lui;per lo Spirito non era ancora stato dato, perché Gesù non era ancora glorificato.

7.40

La gente in mezzo alla folla udirono queste parole, ha detto, questo è il profeta.

7.41

Altri dicevano: Questi è il Cristo. E altri hanno detto: ‘questo dalla Galilea il Cristo venuto?

7.42

La Scrittura non è non dire che è il figlio di Davide, e il villaggio di Betlemme, dove stava Davide, che Cristo sarebbe venuto?

7.43

Quindi non c’era, a causa sua, la divisione tra la gente.

7.44

Alcuni di loro volevano prenderlo: ma nessuno gli mise le mani addosso.

7.45

Poi vennero gli ufficiali dai sommi sacerdoti e dai farisei. Ed essi dissero loro: Perché non lo hai portato?

7.46

Gli ufficiali hanno risposto, mai l’uomo parlò come quest’uomo.

7.47

I farisei risposero loro: Siete anche stati ingannati?

7.48

Intende qualsiasi dei governanti o dei farisei creduto in lui?

7.49

Ma questo popolo che non conoscono la legge è maledetto!

7.50

Nicodemo, che è venuto a Gesù di notte, e che era uno di loro ha detto:

7.51

Ha la nostra legge giudica un uomo, prima che ascolti, e sapere quello che ha fatto?

7.52

Ed essi dissero: sei anche tu di Galilea? Si consideri, e vedere che dalla Galilea non sorge profeta.

7.53

E ogni uomo è andato a casa sua.

John 8

8.1

Gesù andò al monte degli Ulivi.

8.2

E al mattino presto è venuto di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Si sedette, li ammaestrava.

8.3

E gli scribi ei farisei gli conducono una donna sorpresa in adulterio;

8.4

e collocandolo tra la gente, gli dissero: Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio.

8.5

Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come: Ora che cosa ne dici?

8.6

Hanno detto che questo per metterlo alla prova, ad accusarlo. Ma Gesù, chinatosi, e scrivere col dito per terra.

8.7

Mentre continuavano a chiedergli, alzò il capo e disse: Chi di voi è senza peccato scagli la prima pietra contro di essa.

8.8

E chinatosi di nuovo, scriveva per terra.

8.9

Quando hanno sentito che, essendo condannato dalla propria coscienza, uscì uno per uno, cominciando dai più vecchi fino all’ultimo; e Gesù fu lasciato solo con la donna in piedi in mezzo.

8.10

Poi alzò lui stesso, e vide che la donna, Gesù le disse: Donna, dove sono quei tuoi accusatori? No ti ha condannato?

8.11

Ha detto, No, Signore. E Gesù disse: Io non ti condanno: vado, e non peccare più.

8.12

Gesù parlò loro, dicendo: Io sono la luce del mondo; Chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita.

8.13

Allora i farisei gli dissero, testimoniate su di te; la tua testimonianza non è vera.

8.14

Gesù rispose loro: Anche se io rendo testimonianza di me stesso, la mia testimonianza è vera, perché so da dove vengo e dove vado; ma non sapete da dove vengo o dove vado.

8.15

Voi giudicate secondo la carne; Io giudico nessuno.

8.16

E se giudico, il mio giudizio è vero, perché io non sono solo; ma il Padre che mi ha mandato è con me.

8.17

E ‘scritto nella legge, che la testimonianza di due uomini è vera;

8.18

Io rendo testimonianza di me stesso, e il Padre che mi ha mandato testimonia di me.

8.19

Poi ha detto che a lui, Dov’è tuo padre? Gesù rispose: Voi non mi conoscono, né il Padre mio. Se mi conosceste, si dovrebbe conoscere il mio Padre.

8.20

Queste parole disse Gesù, insegnando nel tempio, il luogo in cui il tesoro è stato; e nessuno lo prese, perché l’ora sua non era ancora venuta.

8.21

Gesù disse loro: Io vado, e voi mi cercherete e morirete nei vostri peccati;voi non potete venire dove sto andando.

8.22

Perciò i Giudei dissero: Riuscirà uccidere lui stesso, dal momento che dice non potete venire dove sto andando?

8.23

Ed egli disse loro: Voi siete di quaggiù; Io sono di lassù. Voi siete di questo mondo; Io non sono di questo mondo.

8.24

Questo è il motivo per cui ho detto che morirete nei vostri peccati;perché se non credete quello che sono, morirete nei vostri peccati.

8.25

Chi è lei? gli hanno detto. Gesù rispose: Quello che vi dico fin dall’inizio.

8.26

Ho molte cose da dire e da giudicare voi; ma colui che mi ha mandato è veritiero, e quello che ho udito da lui dico il mondo.

8.27

Non capirono che egli parlava loro del Padre.

8.28

Allora Gesù disse loro: Quando avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora saprete che io sono, e che non faccio nulla da me stesso, ma che parlo solo ciò che il Padre mi ha insegnato.

8.29

Colui che mi ha mandato è con me; Lui non mi ha lasciato solo, perché io faccio sempre le cose che gli sono gradite.

8.30

Mentre parlava, molti credettero in lui.

8.31

Ed egli disse a quei Giudei che avevano creduto in lui: Se perseverate nella mia parola, sarete davvero miei discepoli;

8.32

si conosce la verità, e la verità vi farà liberi.

8.33

Essi gli risposero: Noi siamo discendenza di Abramo, e non siamo mai stati schiavi; come si dice, Diventerete liberi?

8.34

In verità, in verità io vi dico, Gesù rispose loro: chi commette il peccato è schiavo del peccato.

8.35

E il servo non dimora nella casa; il figlio rimane per sempre.

8.36

Se dunque il Figlio vi rende liberi, sarete liberi davvero.

8.37

So che siete discendenza di Abramo; ma voi cercate di uccidermi, perché la mia parola non trova posto in voi.

8.38

Io dico quello che ho visto presso il Padre mio; e voi, fate quello che avete ascoltato dal padre vostro.

8.39

Gli risposero: nostro padre è Abramo. Gesù disse loro: Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo.

8.40

Ma ora cercate di uccidere me, io che vi ha detto la verità che ho sentito da Dio. Questo, Abramo non ha fatto.

8.41

Voi fate le opere del padre vostro. Hanno detto: Noi non siamo nati di fornicazione; abbiamo un solo Padre, Dio.

8.42

Gesù disse loro: Se Dio fosse vostro Padre, tu mi ami, perché è Dio che mi è venuto fuori e sono venuto; Io non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato.

8.43

Perché non capisci il mio discorso? Poiché non è possibile sentire la mia parola.

8.44

Voi che avete per padre il diavolo, e volete compiere i desideri del padre vostro. Egli è stato omicida fin dal principio, e non si è attenuto alla verità, perché non vi è verità in lui. Quando dice il falso, parla del suo,perché è menzognero e padre della menzogna.

8.45

E io, perché dico la verità, voi non mi creda.

8.46

Chi di voi mi convince di peccato? Se dico la verità, perché non mi credete?

8.47

Chi è da Dio ascolta le parole di Dio; non ascoltate, perché non siete da Dio.

8.48

Gli risposero i Giudei: non ci ragione nel dire che sei un Samaritano e hai un demonio?

8.49

Gesù rispose, io non ho un demonio; ma onoro il Padre mio e voi mi disonorate.

8.50

Io non cerco la mia gloria; c’è uno che cerca e giudica.

8.51

In verità, in verità io vi dico, se uno osserva la mia parola, non vedrà mai la morte.

8.52

Ora i Giudei dissero, sappiamo che hai un demonio. Abramo è morto, e dei profeti, e tu dici: Se uno osserva la mia parola, non vedrà mai la morte.

8.53

Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? I profeti sono morti. Chi pretendi di essere?

8.54

Gesù rispose: Se io glorifico me stesso, la mia gloria non sarebbe nulla. E ‘stato mio padre che mi glorifica, che dici è il tuo Dio

8.55

e non si sa. Per me, lo so; e se ho detto che non sapevo sarei come voi, un mentitore. Ma io lo conosco, e osservo la sua parola.

8.56

Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno: e vide e se ne rallegrò.

8.57

I Giudei gli dissero: Tu non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?

8.58

Gesù disse loro: In verità, in verità io vi dico: Prima che Abramo fosse, io sono.

8.59

Allora presero pietre per scagliarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.

John 9

9.1

Gesù vide di sfuggita un uomo cieco dalla nascita.

9.2

I suoi discepoli lo interrogarono, Rabbì, chi ha peccato, lui oi suoi genitori, perché egli nascesse cieco?

9.3

Gesù rispose: Non è che lui oi suoi genitori peccato; ma che le opere di Dio possono essere visualizzati in lui.

9.4

Ho bisogno di fare, mentre è giorno, le opere di colui che mi ha mandato; la notte viene in cui nessuno può operare.

9.5

Mentre io sono nel mondo, io sono la luce del mondo.

9.6

Detto questo, sputò per terra, fece del fango con la saliva. Poi ha applicato il fango sugli occhi dell’uomo,

9.7

e disse: Va ‘a lavarti nella piscina di Siloe (che significa Inviato). Egli andò, si lavò e tornò che ci vedeva chiaro.

9.8

I suoi vicini di casa e quelli che prima aveva visto un mendicante, dicevano: Non è egli quello che sedeva a chieder l’elemosina?

9.9

Alcuni dicevano, questo è vero. Altri dicevano: No, ma gli somiglia. E lui stesso ha detto: Io sono.

9.10

Poi ha detto che a lui, come sono stati aperti gli occhi?

9.11

Egli rispose: Quell’uomo che si chiama Gesù ha fatto del fango, e spalmato gli occhi e mi ha detto, ‘Vai a Siloe e lavare.’ Sono andato, mi sono lavato e ho acquistato la vista.

9.12

Gli dissero: Dov’è? Egli rispose: Non lo so.

9.13

Hanno portato alla farisei quello che era stato cieco.

9.14

Ora era un sabato, quando Gesù aveva fatto del fango e aprì gli occhi.

9.15

Ancora una volta i farisei anche gli chiese come avesse acquistato la vista. Ed egli disse loro, ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo.

9.16

Quello che alcuni dei farisei dicevano: Quest’uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato. Altri dicevano: Come può un peccatore compiere tali prodigi?

9.17

E c’era dissenso tra di loro. Essi gli dissero di nuovo al cieco, cosa dici di lui, che ha aperto gli occhi? Ha detto, ‘un profeta.

9.18

Gli ebrei non credeva che fosse stato cieco e aveva acquistato la vista, finché non chiamarono i genitori.

9.19

E hanno chiesto loro, dicendo, è questo il vostro figlio, che voi dite esser nato cieco? Come mai ora ci vede?

9.20

I suoi genitori risposero: Sappiamo che questo è il nostro figlio, e lui è nato cieco;

9.21

ma come ora ci veda, o che ha aperto gli occhi, questo è quello che sappiamo. Chiedetegli se stessi, che è maggiorenne, si parlerà di ciò che lo riguarda.

9.22

Dissero i suoi genitori perché avevano paura dei Giudei; per gli ebrei avevano già stabilito che se uno ha confessato che era Cristo, sarebbe stato espulso dalla sinagoga.

9.23

Perciò dissero i suoi genitori, Ha l’età, chiedono se stesso.

9.24

Il nuovo farisei hanno chiamato l’uomo che era cieco, e gli disse: ‘gloria a Dio; noi sappiamo che quest’uomo è un peccatore.

9.25

Egli rispose: Se sia un peccatore, non lo so; una cosa che so è che ero cieco e ora ci vedo.

9.26

Essi gli dissero: Che cosa ha fatto? Come ha aperto gli occhi?

9.27

Egli rispose: io ho detto, e non si ha ascoltato; perché si sente di nuovo?Vuoi diventare suoi discepoli?

9.28

Lo insultarono e dissero: Tu sei suo discepolo; noi, noi siamo discepoli di Mosè.

9.29

Noi sappiamo che Dio ha parlato a Mosè; ma questo, non sappiamo da dove sia.

9.30

L’uomo rispose: E ‘incredibile che si sa dove si trova; eppure mi ha aperto gli occhi.

9.31

Noi sappiamo che Dio non ascolta i peccatori; ma se qualcuno è un adoratore e fa la sua volontà, egli lo ascolta.

9.32

Non è mai stato sentito dire che uno abbia aperto gli occhi di un cieco nato.

9.33

Se costui non fosse da Dio, non potrebbe far nulla.

9.34

Gli risposero: sei stato tutto nato nel peccato, e ci insegnano? Essi lo cacciarono fuori.

9.35

Gesù seppe che l’avevano cacciato fuori; e, dopo averlo incontrato, ha detto: Tu credi nel Figlio di Dio?

9.36

Ha risposto e chi è, Signore, perché io creda in lui?

9.37

L’hai visto, gli disse, e chi vi parla, è lui.

9.38

Ed egli disse: Signore, io credo. E lo adorava.

9.39

Gesù ha detto: Io sono venuto in questo mondo per giudicare, perché coloro che non vedono vedano e quelli che vedono diventino ciechi.

9.40

Alcuni farisei che erano con lui udirono queste parole, gli dissero: Anche noi siamo ciechi?

9.41

Gesù rispose loro: Se foste ciechi, non avreste alcun peccato. Ma ora si dice, vediamo. È per questo che il vostro peccato rimane.

Giovanni 10

10.1

In verità, in verità io vi dico, che chi non entra per la porta nell’ovile, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante.

10.2

Ma colui che entra per la porta, è il pastore delle pecore.

10.3

Lui il portinaio apre e le pecore ascoltano la sua voce; chiama per nome le pecore che gli appartiene, e li conduce fuori.

10.4

Quando tira fuori le sue pecore, va innanzi a loro, e le pecore lo seguono, perché conoscono la sua voce.

10.5

Seguono un estraneo; ma fuggiranno via da lui perché non conoscono la voce degli estranei.

10.6

Gesù disse loro questa parabola, ma essi non capirono cosa stava parlando con loro.

10.7

Gesù disse loro: In verità, in verità io vi dico, io sono la porta delle pecore.

10.8

Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti: ma le pecore non li hanno ascoltati.

10.9

Io sono la porta. Chiunque entra attraverso di me, sarà salvo; deve andare dentro e fuori, e troverà pascolo.

10.10

Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza.

10.11

Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore.

10.12

Ma il mercenario, che non è il pastore, che non possiede le pecore, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge; e il lupo le rapisce e le disperde.

10.13

Il mercenario fugge perché è un mercenario e non gli importa delle pecore sviluppato. Io sono il buon pastore.

10.14

Io conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me,

10.15

come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e do la mia vita per le pecore.

10.16

E ho altre pecore che non sono di questo ovile; questi, devono portare, eesse ascolteranno la mia voce, e ci sono un solo gregge, un solo pastore.

10.17

Il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per riprenderla di nuovo.

10.18

Nessuno si prende lontano da me, ma la offro da me stesso; Ho il potere di deporla e ho il potere di riprenderla di nuovo: questo è l’ordine che ho ricevuto dal Padre mio.

10.19

C’era ancora una volta a causa di queste divisioni parole tra gli ebrei.

10.20

Molti di loro dicevano: Egli ha un demonio ed è fuori di sé; perché ti ascolti?

10.21

Altri dicevano: Queste non sono le parole di un demone; Può un demone aprire gli occhi ai ciechi?

10.22

Gerusalemme la festa della Dedicazione. Era inverno.

10.23

E Gesù entrò nel tempio sotto il portico di Salomone.

10.24

Ebrei intorno a lui, e gli disse: Quanto tempo hai tu ci fanno dubitare? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente.

10.25

Gesù rispose loro: Ve l’ho detto, e tu non ci credo. Le opere che io compio nel nome del Padre mio testimoniano di me.

10.26

Ma voi non credete, perché non siete delle mie pecore.

10.27

Le mie pecore ascoltano la mia voce; Io li conosco, ed esse mi seguono.

10.28

Io do loro la vita eterna; e non andranno mai perdute e nessuno le rapirà dalla mia mano.

10.29

Il Padre mio che me le ha date, è più grande di tutti; e nessuno può rapirle dalla mano del Padre mio.

Dieci e mezza

Io e il Padre siamo una cosa sola.

10.31

Allora i Giudei presero di nuovo delle pietre per lapidarlo.

10.32

Gesù ha detto: ti ho mostrato molte opere buone da parte del Padre, per il quale si lapidare?

10.33

Gli risposero i Giudei, dicendo, per una buona opera Non ti lapidiamo, ma per la bestemmia e perché tu, che sei uomo, ti fai Dio.

10.34

Gesù rispose loro: Non è forse scritto nella vostra Legge: Io ho detto: Voi siete dèi?

10.35

Se chiama dèi, al quale la parola di Dio è venuto, e la Scrittura non può essere annullata;

10.36

che il Padre ha santificato e mandato nel mondo, voi dite: Tu bestemmi E questo perché ho detto, io sono il Figlio di Dio.

10.37

Se non faccio le opere del Padre mio, non credetemi.

10.38

Ma se lo faccio, anche se non credete a me, credete almeno alle opere: perché sappiate e conosciate che il Padre è in me e io nel Padre.

10.39

Allora hanno cercato di nuovo di prendere lui: ma lui sfuggito dalle loro mani.

10.40

Gesù se ne andò di nuovo al di là del Giordano, nel luogo dove Giovanni inizialmente battezzato. E rimase lì.

10.41

Molte persone sono venute a lui e dissero, John fece nessun miracolo;ma tutto John ha detto di costui era vero.

10.42

E in quel luogo molti credettero in lui.

Giovanni 11

11.1

C’era un uomo malato, Lazzaro di Betania, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella.

11.2

Maria era quella che ha versato profumo il Signore e gli aveva asciugato i piedi con i suoi capelli, e fu suo fratello Lazzaro era malato.

11.3

Le sorelle mandarono a dire a Gesù: Signore, ecco, colui che tu ami è malato.

11.4

Dopo aver sentito questo, Gesù disse: Questa malattia non è per la morte; ma è per la gloria di Dio, che il Figlio di Dio sia glorificato.

11.5

Gesù voleva molto bene a Marta, a sua sorella ea Lazzaro.

11.6

Quando quindi seppe che Lazzaro era malato, si trattenne due giorni nel luogo dove si trovava,

11.7

e poi disse ai suoi discepoli: Andiamo in Giudea.

11.8

I discepoli gli dissero: Maestro, i Giudei cercavano di voi la pietra, e stai andando ancora lì?

11.9

Gesù rispose, Are ha lì forse dodici le ore del giorno? Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo;

11.10

Ma se un uomo cammina di notte, inciampa, perché la luce non è in lui.

11.11

Dopo questo, egli disse loro: Il nostro amico Lazzaro s’è addormentato;ma io lo sveglio.

11.12

I discepoli gli dissero: Signore, se dorme, si riprenderà.

11.13

Gesù parla della sua morte, ma hanno pensato che intendeva il sonno naturale.

11.14

Allora Gesù disse loro apertamente: Lazzaro è morto.

11.15

E grazie a te, che si può credere, sono contento che non ero lì. Ma venire a lui.

11.16

Che Tommaso detto Didimo, disse ai suoi condiscepoli, Andiamo anche, che noi a morire con lui.

11.17

Gesù è venuto, trovò Lazzaro che era già stato quattro giorni nel sepolcro.

11.18

Betània distava da Gerusalemme, a circa quindici stadi,

11.19

molti Giudei erano venuti da Marta e Maria per consolarle per il loro fratello.

11.20

Quando Marta seppe che veniva Gesù, gli andò incontro, mentre Maria è rimasto a casa.

11.21

Marta disse a Gesù: Signore, se tu fossi stato qui, mio ​​fratello non sarebbe morto.

11.22

Ma anche ora so che qualunque cosa chiederai a Dio, Dio vi darà.

11.23

Gesù le disse: Tuo fratello risusciterà.

11.24

So Gli rispose Marta, risusciterà, nella risurrezione, nell’ultimo giorno.

11.25

Gesù ha detto: Io sono la risurrezione e la vita. Chi crede in me vivrà, anche se muore;

11.26

e chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno. Credi tu questo?

11.27

Gli disse: Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, che deve venire nel mondo.

11.28

Detto questo, se ne andò. Poi chiamò in segreto Maria, sua sorella, dicendo: Il Maestro è qui, e lui ti chiede.

11.29

Non appena ha sentito che, si alzò in fretta e andò da lui.

Eleven trenta

Gesù non era ancora entrato nel villaggio, ma era nel luogo dove Marta gli era andata incontro.

11.31

I Giudei che erano con lei in casa, e la confortò, doversi alzare velocemente e uscì, la seguirono, dicendo che andava al sepolcro per piangere là.

11.32

Quando Maria giunse dov’era Gesù e lo vide, si gettò ai suoi piedi, e disse: Signore, se tu fossi stato qui, mio ​​fratello non sarebbe morto.

11.33

Gesù la vide piangere, e gli ebrei che erano venuti con lei, gemette nello spirito, ed era turbato.

11.34

E disse, Dove l’avete posto? Signore, rispose, vieni a vedere.

11.35

Gesù pianse.

11.36

Gli ebrei, Ecco, come l’amava.

11.37

E alcuni di loro ha detto: Colui che ha aperto gli occhi al cieco, non poteva anche essere che questi non morisse?

11.38

Gesù dunque, fremendo di nuovo in se stesso, si recò al sepolcro. Era una grotta, e una pietra era posta all’apertura.

11.39

Gesù disse: Togliete la pietra. Marta, la sorella del defunto, gli disse: Signore, si sente già, perché ci sono quattro giorni che è lì.

11.40

Gesù gli disse: Non ti ho detto che se credi, vedrai la gloria di Dio?

11.41

Quindi hanno portato via la pietra. Gesù allora alzò gli occhi e disse: Padre, ti ringrazio che mi hai ascoltato.

11.42

Per me, sapevo che sempre mi dai ascolto; ma ho parlato per le persone in piedi qui, perché credano che tu mi hai mandato.

11.43

Detto questo, gridò a gran voce, Lazzaro, vieni fuori!

11.44

E il morto uscì, legato mani e piedi con bende, e il volto avvolto con un panno. Gesù disse loro: Scioglietelo, e lasciatelo andare.

11.45

Molti dei Giudei che erano venuti da Maria, e visto quello che ha fatto Gesù, credettero in lui.

11.46

Ma alcuni di loro andarono dai farisei e riferirono loro quel che Gesù aveva fatto.

11.47

Allora i sommi sacerdoti ei farisei riunirono un consiglio, e ha detto, cosa dobbiamo fare? Per quest’uomo fa molti miracoli.

11.48

Se lo lasciamo, tutti crederanno in lui, e verranno i Romani e distruggeranno e città e nazione.

11.49

Uno di loro, Caifa, che era sommo sacerdote in quell’anno, disse loro: Voi sapete nulla;

11.50

Né ritengono che è in voi che muoia un solo uomo per il popolo, e che tutta la nazione non perisca.

11.51

Ma lui non ha detto questo di se stesso; ma essendo sommo sacerdote in quell’anno profetizzò che Gesù doveva morire per la nazione.

11.52

E non era soltanto per la nazione, è stato anche per riunire insieme i figli di Dio dispersi.

11.53

Da quel giorno, decisero di ucciderlo.

11.54

Per questo Gesù ha fatto di più apertamente fra i Giudei; ma si ritirò in campagna vicino al deserto, in una città chiamata Efraim, Rimase là con i suoi discepoli.

11.55

La Pasqua dei Giudei era vicina. E molte persone nel paese salirono a Gerusalemme prima della Pasqua per purificarsi.

11.56

Cercavano Gesù, e dissero l’un l’altro nel tempio, cosa ve ne pare? Non è venuto alla festa?

11.57

Ora i sommi sacerdoti ei farisei avevano dato ordine che se qualcuno sapeva dove si trovava, avrebbe dovuto segnalarlo, che potessero cogliere.

John 12

12.1

Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che Gesù risuscitato dai morti.

12.2

Ci hanno fatto di lui una cena; Marta serviva e Lazzaro era uno di quelli che erano a tavola con lui.

12.3

Maria allora, presa una libbra di olio profumato di nardo puro, molto costoso, e cosparse i piedi di Gesù e li asciugò i piedi con i suoi capelli; e la casa si riempì del profumo del profumo.

12.4

Uno dei suoi discepoli, Giuda Iscariota, figlio di Simone, che lo tradiva, ha detto:

12.5

Perché non l’abbiamo venduto i tre profumi cento denari e darli ai poveri?

12.6

Questo ha detto, non che gli importasse dei poveri, ma perché era ladro, e avendo la borsa, prendeva quello che vi mettevano dentro.

12.7

Ma Gesù disse: Lasciatela tenerlo contro il giorno della mia sepoltura.

12.8

Hai sempre i poveri con voi, ma non sempre avete me.

12.9

Molta gente dei Giudei seppero che Gesù era a Betania; e sono venuti, non solo per lui ma anche per vedere Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti.

12.10

I sommi sacerdoti deliberarono di uccidere anche Lazzaro,

12.11

perché molti degli ebrei è andato via da loro a causa di lui, e credettero in Gesù.

12.12

La gente molto giorno successivo che era venuta alla festa udito che Gesù veniva a Gerusalemme,

12.13

prese dei rami di palme e uscì incontro, gridando: Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d’Israele!

12.14

Gesù, trovato un asinello e si sedette su di essa, come sta scritto:

12.15

Non temere, figlia di Sion; Ecco, il tuo re viene, seduto sopra un puledro d’asino.

12.16

I suoi discepoli non capiscono queste cose in un primo momento; ma quando Gesù fu glorificato, allora si ricordarono che queste cose erano state scritte di lui, e che avevano fatto queste cose a lui.

12.17

Tutti quelli che erano con lui quando chiamò Lazzaro fuori dalla tomba e risorto dai morti, record di nudo;

12.18

e la folla gli venne incontro, perché hanno sentito che aveva fatto questo miracolo.

12.19

I Farisei dicevano tra loro: Vedete non si vince; ecco, il mondo gli è andato dietro.

12.20

Alcuni Greci tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa:

12.21

è venuto a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli chiese, dicendo: Signore, vorremmo vedere Gesù.

12.22

Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo dice Gesù.

12.23

Gesù ha detto: È giunto il momento per il Figlio dell’uomo sia glorificato.

12.24

In verità, in verità vi dico: se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto.

12.25

Chi ama la sua vita la perderà, e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna.

12.26

Chi serve me mi segua; e dove sono io, là sarà il mio servo. Se uno mi serve, il Padre lo onorerà.

12.27

Ora è la mia anima turbata. E che devo dire? … Padre, salvami da quest’ora? … Ma è per questo che sono venuto a quest’ora.

12.28

Padre, glorifica il tuo nome! Ed ecco una voce dal cielo: L’ho glorificato e lo glorificherò ancora.

12.29

La folla che era presente e aveva udito, diceva che tuonò. Altri dicevano: Un angelo gli parlò.

12.30

Gesù ha detto, non è per causa mia che questa voce sia ascoltata; è grazie a te.

12.31

Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori.

12.32

E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me.

12.33

Mentre parlava, ha detto, indicando di quale morte doveva morire. –

1 2 3 4

La folla ha risposto lui, abbiamo udito dalla legge che il Cristo dimora in eterno; e come dici tu, allora, bisogna che il Figlio dell’uomo sia innalzato? Chi è questo Figlio dell’uomo?

12.35

Gesù disse loro: La luce appena un po ‘di tempo a voi. Camminate mentre avete la luce, affinché le tenebre scenderà su di voi: per chi cammina nelle tenebre non sa dove va.

12.36

Mentre avete la luce, credete nella luce, affinché siate figli della luce.Gesù disse queste cose, poi andò e si nascose da loro.

12.37

Nonostante tanti miracoli che aveva fatto in loro presenza, non credevano in lui,

12.38

Questo è stato per adempiere la parola che Isaia parlò Profeta, Signore, chi ha creduto alla nostra? E a chi ha il braccio del Signore è stato rivelato?

12.39

Perciò non potevano credere, perché Isaia disse ancora:

12.40

Egli ha accecato i loro occhi; e lui indurito il loro cuore, perché non vedano con i loro occhi, e non intendano col cuore, non si convertano, e io non li guarisca.

12.41

Queste cose disse Isaia, quando vide la sua gloria e parlò di lui.

12.42

Tuttavia tra i principali governanti anche molti credettero in lui; ma a causa dei farisei non lo confessavano, per non essere espulsi dalla sinagoga.

12.43

Per amavano la gloria degli uomini più della gloria di Dio.

12.44

Ma Gesù gridò e disse, Chi crede in me, non crede in me, ma in colui che mi ha mandato;

12.45

e chi vede me lo vede che mi ha mandato.

12.46

Io sono venuto come luce nel mondo, affinché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre.

12.47

Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva, non io lo giudico sia;per non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo.

12.48

Chi mi respinge e non accoglie le mie parole, ha un giudice; la parola che ho parlato, lo stesso deve lo giudicherà nell’ultimo giorno.

12.49

Perché io non ho parlato di me stesso; ma il Padre che mi ha mandato me comandato lui che devo dire e pubblicizzare.

12.50

E so che il suo comandamento è vita eterna. Questo è il motivo per cui le cose che dico, le dico come il Padre mi ha detto.

Giovanni 13

13.1

Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che la sua ora era giunta di partire da questo mondo al Padre, dopo aver amato i suoi che erano nel mondo, dare il tocco finale al suo amore per loro.

13.2

Durante la cena, il diavolo aveva messo in cuore a Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo,

13.3

Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle sue mani, era venuto da Dio, e andò a Dio,

13.4

si alzò dal tavolo, si tolse i vestiti e ha preso un asciugatoio, se lo cinse.

13.5

Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano con cui si era cinto.

13.6

Venne dunque da Simon Pietro; e Pietro disse: Signore, tu lavi i piedi?

13.7

Gesù gli rispose: Quello che faccio tu non sai ora, ma tu saprai seguito.

13.8

Peter ha detto, No, Lei non potrà mai lavarmi i piedi. Gesù gli rispose: Se non ti lavo, tu hai nessuna parte con me.

13.9

Simon Pietro disse: Signore, non solo i piedi, ma anche le mani e la testa.

13.10

Gesù ha detto, lui che è il bagno ha solo bisogno di lavare i piedi, ma è pulito; e voi siete mondi, ma non tutti.

13.11

Sapeva infatti chi lo tradiva; così disse: Non tutti siete mondi.

13.12

Dopo aver lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: sapete voi quello che ho fatto per te?

13.13

Me Maestro e Signore chiami; e dite bene, perché lo sono.

13.14

Quindi, se ho lavato i vostri piedi, io, il Signore e il Maestro, è necessario anche lavare i piedi con l’altro;

13.15

Vi ho dato infatti l’esempio, affinché anche voi facciate come io ho fatto a voi.

13.16

In verità, in verità io vi dico: un servo non è più grande del suo padrone, né un apostolo è più grande di colui che lo ha mandato.

13.17

Se sapete queste cose, siete beati se le fate.

13.18

Questo non è tutto di voi parlo; So che io ho scelto. Ma che la Scrittura può essere adempiuta, Colui che mangia il pane con me, ha levato il suo calcagno contro di me.

13.19

Ora vi dico prima che accada, in modo che quando succede, si può credere che io sono.

13.20

In verità, in verità io vi dico, Chi accoglie colui che io manderò, accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.

13.21

Detto questo, Gesù fu turbato nello spirito, e lui in particolare disse: In verità, in verità io vi dico, uno di voi mi tradirà.

13.22

I discepoli si guardarono l’un l’altro, non sapendo di chi parlava.

13.23

Uno dei suoi discepoli, quello che Gesù amava, era sdraiato sul petto di Gesù ‘.

13.24

Simon Pietro gli fece cenno di chiedere a chi era chi parlava.

13.25

E questo discepolo, poi sdraiato sul petto di Gesù ‘, gli disse: Signore, chi è?

13.26

Gesù rispose: E ‘colui al quale darò pezzo temperato. E intinto il boccone, lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariota.

13.27

Appena il boccone, satana entrò in lui. Gesù gli disse: che tu fai, fallo presto.

13.28

Ora nessun uomo al tavolo sapeva perché lo diceva a lui

13.29

Per alcuni di loro pensava, Giuda la cassa, Gesù gli disse: Compra quello che ci occorre per la festa, oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri.

13.30

Poi dopo aver ricevuto il boccone andato immediatamente. Era la notte.

13.31

Quando fu uscito, Gesù disse: Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e anche Dio è stato glorificato in lui.

13.32

Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà in se stesso, e glorificarlo.

13.33

Figlioli miei, io sono un po ‘più a lungo con voi. Voi mi cercherete; e come ho detto ai Giudei, non potete venire dove vado, vi dico anche ora.

13.34

Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, anche, si amano.

13.35

Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri.

13.36

Simon Pietro gli disse: Signore, dove vai? Gesù ha detto: Non puoi seguirmi ora dove vado, ma si seguirà più tardi.

13.37

Signore disse a Pietro, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te.

13.38

Gesù rispose: Darai la tua vita per me? In verità, in verità io ti dico, il gallo non canterà, finché tu mi hai negato tre volte.

Giovanni 14

14.1

Il vostro cuore non sia turbato. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me.

14.2

Ci sono molte dimore nella casa del Padre mio. Se così non fosse, ve l’avrei detto. Io vado a prepararvi un posto per voi.

14.3

E quando vado in, e vado a preparare un posto per voi, tornerò, e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi.

14.4

Sai dove sto andando, e si conosce la strada.

14.5

Gli disse Tommaso, Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?

14.6

Gesù disse Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.

14.7

Se mi conosceste, si dovrebbe conoscere il mio Padre. E da ora lo conoscete e lo avete visto.

14.8

Filippo disse: Signore, mostraci il Padre, e ci basta.

14.9

Gesù disse che era tanto tempo che io sono con voi, e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre; e come mai tu dici: Mostraci il Padre?

14.10

Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, io non parlo di me stesso; e il Padre che dimora in me, fa le opere.

14.11

Credetemi, io sono nel Padre e il Padre è in me; altro, credetelo per le opere stesse.

14.12

In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più, perché io vado al Padre;

14.13

e tutto quello che chiederete nel mio nome, io la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio.

14.14

Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, lo farò.

14.15

Se mi amate, osserverete i miei comandamenti.

14.16

E io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore, perché stia con te

14.17

lo Spirito di verità, che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce; Voi lo conoscete, perché dimora con voi e sarà in voi.

14.18

Non vi lascerò orfani: verrò a voi.

14.19

Ancora un po ‘, e il mondo non mi vedrà più; ma voi mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete.

14.20

In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre e voi in me e io in voi.

14.21

Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è che mi ama: e chi mi ama sarà amato dal Padre mio, io ti amo, e mi manifesterò a lui.

14.22

Non Giuda Iscariota, gli disse: Signore, come mai ti manifesterai a noi, e non al mondo?

14.23

Gesù gli rispose: Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà Noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui.

14.24

Chi non mi ama non osserva le mie parole. E la parola che voi udite non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.

14.25

Vi ho detto queste cose mentre sono ancora con voi.

14.26

Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che vi ho detto.

14.27

Vi lascio la pace, la mia pace che ti danno. Non me ne frega a voi come la dà il mondo. Il vostro cuore non sia turbato e non si sgomenti.

14.28

Avete sentito come vi ho detto, me ne vado, e torno a voi. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre; perché il Padre è più grande di me.

14.29

E ora ve l’ho detto prima che avvenga, perché quando avverrà, voi crediate.

14.30

Non parlerò più con voi; perché il principe di questo mondo Cometh.Non ha nulla in me;

14.31

Ma che il mondo sappia che io amo il Padre e che io agisco secondo l’ordine che il Padre mi ha dato, Alzatevi, andiamo via di qui.

Giovanni 15

15.1

Io sono la vera vite e il Padre mio è il giardiniere.

15.2

Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie via; e ogni tralcio che porta frutto, lo pota, perché porti più frutto.

15.3

Voi siete già mondi, per la parola che vi ho annunziato.

15.4

Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto stesso se non rimane nella vite, così neanche in grado, se non rimanete in me.

15.5

Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla.

15.6

Se un uomo non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca;e lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano.

15.7

Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà accordato.

15.8

Se portiate molto frutto, è glorificato il Padre mio, che siete miei discepoli.

15.9

Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi. Rimanete nel mio amore.

15.10

Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore.

15.11

Ti ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

15.12

Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati.

15.13

Non c’è amore più grande che dare la vita per i suoi amici.

15.14

Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando.

15.15

Io non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere a voi tutto ciò che ho udito dal Padre.

15.16

Non voi avete scelto me; ma io ho scelto voi, e voi ordinato, perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga, che tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda.

15.17

Io vi comando: che vi amiate gli uni gli altri.

15.18

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi.

15.19

Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma perché non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia.

15.20

Ricordatevi della parola che vi ho detto, Il servo non è più grande del suo padrone. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.

15.21

Ma faranno tutte queste cose a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato.

15.22

Se non fossi venuto e che ho parlato con loro, non avrebbero alcun peccato; ma ora non hanno scusa per il loro peccato.

15.23

Chi odia me, odia il Padre mio.

15.24

Se non avessi fatto tra loro le opere che nessun altro ha fatto, non avrebbero alcun peccato; ma ora che hanno visto e hanno odiato me e il Padre mio.

15.25

Ma questo è successo è stato quello di rispettare la parola scritta nella loro Legge: Mi hanno odiato senza ragione.

15.26

Quando verrà il Consolatore, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito di verità che procede dal Padre, egli testimonierà di me;

15.27

e anche voi testimonianza, perché siete stati con me fin dal principio.

Giovanni 16

16.1

Te l’ho detto queste cose, quindi non sono per voi offesa.

16.2

Essi vi metterà fuori dalle sinagoghe; sì, l’ora viene che chiunque vi ucciderà crederà di rendere culto a Dio.

16.3

E faranno, perché non hanno conosciuto né il Padre né me.

16.4

Te l’ho detto queste cose, in modo che quando arriva il momento, si può ricordare che vi ho detto di loro. Io non vi ho detto fin dall’inizio, perché ero con voi.

16.5

Ora ho intenzione di colui che mi ha mandato e nessuno di voi mi chiede: ‘Dove sei?

16.6

Ma perché vi ho detto queste cose, la tristezza ha riempito il vostro cuore.

16.7

Ora io vi dico la verità: è bene che io me ne vada, perché se non vado via, il Consolatore non verrà a voi; ma se vado, io manderò.

16.8

E quando sarà venuto, egli convincerà il mondo per il peccato, la giustizia, e al giudizio:

16.9

per quanto riguarda il peccato, perché non credono in me;

16.10

giustizia, perché io vado al Padre e non mi vedrete più;

16.11

giudizio, perché il principe di questo mondo è stato giudicato.

16.12

Ho ancora molte cose da dirvi, ma non sono per ora.

16.13

Ma quando verrà lui, lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera; perché non parlerà da se stesso, egli parlerà solo ciò che sente, e vi annunzierà le cose future.

16.14

Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l’annunzierà.

16.15

Tutto quello che il Padre possiede è mio; è per questo che ho detto che ci vuole ciò che è mio e ve l’annunzierà.

16.16

Ancora un po ‘, e si non mi vedrete; e ancora un po ‘di tempo mi vedrete, perché io vado al Padre.

16.17

Allora alcuni dei suoi discepoli tra loro, che cosa è questo che disse a noi un po ‘di tempo, e non mi vedrete; e ancora un po ‘, e mi vedrete? e, perché io vado al Padre?

16.18

Dissero dunque, cosa è questo che egli dice, un po ‘di tempo? Non sappiamo di che cosa parla.

16.19

Gesù sapeva che volevano interrogarlo, ha detto: Vi state chiedendo l’un l’altro per quello che ho detto, un po ‘di tempo, e non mi vedrete più; e ancora un po ‘di tempo mi vedrete.

16.20

In verità, in verità io vi dico, piangere e si lamentano, ma il mondo si rallegrerà Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambierà in gioia.

16.21

Quando una donna partorisce, è afflitta, perché è giunta la sua ora; ma quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più dell’afflizione per la gioia che ha un uomo che è venuto al mondo.

16.22

Così, troppo, ora sono nel dolore; ma io vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno vi potrà togliere la vostra gioia.

16.23

In quel giorno si chiedermi nulla. In verità, in verità io vi dico: tutto quello che chiederete al Padre, egli ve la darà nel mio nome.

16.24

Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e vi sarà dato, perché la vostra gioia sia piena.

16.25

Ti ho detto queste cose in parabole. Si avvicina il tempo in cui vi parlerò in similitudini, ma vi farò conoscere apertamente del Padre.

16.26

In quel giorno chiederete nel mio nome, e io non vi dico che io pregherò il Padre per voi;

16.27

per il Padre stesso vi ama, poiché voi mi avete amato, e avete creduto che sono uscito da Dio.

16.28

Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; Ora lascio il mondo e vado al Padre.

16.29

I suoi discepoli gli dissero: Ecco, ora si parla apertamente, e non si è proverbio.

16.30

Ora sappiamo che sai ogni cosa, e che non hanno bisogno di nessuno di mettere in discussione voi; è per questo che crediamo che sei uscito da Dio.

16.31

Gesù rispose loro: Adesso credete.

16.32

Ecco, è giunto il momento, ed è questo, quando sarete dispersi, ciascuno per il proprio, e ne lasciami in pace; ma io non sono solo, perché il Padre è con me.

16.33

Te l’ho detto queste cose, in modo da avere la pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo; Ma fatevi coraggio, io ho vinto il mondo.

Giovanni 17

17.1

Detto questo, alzò gli occhi al cielo e disse: Padre, è giunta l’ora!Glorifica il Figlio tuo, perché il Figlio glorifichi te,

17.2

Come tu gli hai dato potere sopra ogni essere umano, per dare la vita eterna a tutti come tu gli hai dato.

17.3

E questa è la vita eterna: che conoscano te, il solo vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo.

17.4

Io ti ho glorificato sopra la terra: ho finito il lavoro mi hai dato da fare.

17.5

Ed ora, o Padre, glorifica tu presso te stesso della gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse.

17.6

Ho manifestato il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo.Erano tuoi e li hai dati a me; ed essi hanno osservato la tua parola.

17.7

Ora sanno che tutto quello che mi hai dato vengono da te.

17.8

Vi ho dato loro le parole che mi hai dato; ed essi le hanno ricevute, e hanno veramente conosciuto che sono uscito da te e hanno creduto che tu mi hai mandato.

17,9

E ‘per loro che io prego. Non prego per il mondo, ma per quelli che tu mi hai dato, perché sono tuoi; –

17.10

e tutto ciò che è mio è tuo e quello che è tuo è mio; e io sono glorificato in loro.

17.11

Io non sono più nel mondo, e sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano uno come noi siamo.

17.12

Mentre io ero con loro nel mondo, li ho tenuti in tuo nome. Continuavo a quelli che mi hai dato, e nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, affinché la Scrittura fosse adempiuta.

17.13

Ed ora io vengo a te e dico queste cose nel mondo, in modo da avere pienezza della mia gioia in se stessi.

17.14

Io ho dato loro la tua parola; e il mondo li ha odiati, perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo.

17.15

Non chiedo che tu li tolga dal mondo, ma che li si protegge dal male.

17.16

Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo.

17.17

Santificali nella verità: la tua parola è verità.

17.18

Come tu mi hai mandato nel mondo, anch’io li ho mandati nel mondo.

17.19

Mi consacro per loro, perché siano anch’essi consacrati nella verità.

17.20

Non è per loro solo posso pregare, ma anche per quelli che credono in me per mezzo della loro parola;

17.21

che tutti siano uno, come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato.

17.22

Io ho dato loro la gloria che mi hai dato, perché siano uno come noi siamo uno –

17.23

Me Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell’unità e il mondo sappia che tu hai mandato, e li hai amati come hai amato me.

17.24

Padre, voglio che dove sono io, che tu mi hai dato, sia con me, perché vedano la mia gloria, la gloria mi hai dato, perché tu mi hai amato prima della creazione del mondo .

17.25

Padre giusto, il mondo non ha conosciuto; ma ho conosciuto te, e questi hanno conosciuto che tu mi hai mandato.

17.26

Io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l’amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro.

Giovanni 18

18.1

Detto questo, Gesù andò con i suoi discepoli sulla valle Kidron, dove un giardino era, in cui è entrato, lui ed i suoi seguaci.

18.2

Giuda, che lo tradiva, conosceva quel posto, perché Gesù ei suoi discepoli, spesso incontrati lì.

18.3

Giuda dunque, dopo aver ricevuto la coorte, e guardie fornite dai sommi sacerdoti e dai farisei, si recò là con lanterne, torce e armi.

18.4

Gesù, sapendo tutte le cose che dovrebbero venire su di lui, è andato avanti, e disse loro: Chi cercate?

18.5

Gli risposero: Gesù di Nazareth. Gesù ha detto, io sono. E Giuda, che lo tradiva era con loro.

18.6

Quando disse loro: io, che indietreggiarono e caddero a terra.

18.7

Ha chiesto loro di nuovo: Chi cercate? Ed essi dissero: Gesù di Nazareth.

18.8

Gesù rispose, te l’ho detto che sono io. Se dunque cercate me, lasciate che questi vadano.

18.9

Ha detto che questo è stato quello di rispettare la parola che egli aveva detto,  non ho perso nessuno di quelli che mi hai dato.

18.10

Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori e colpì il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l’orecchio destro. Quel servo si chiamava Malco.

18.11

Gesù disse a Pietro: Rimetti la tua spada nel fodero. Devo forse bere il calice che il Padre mi ha dato da bere?

18.12

Coorte, il tribuno, e le guardie dei Giudei, presero Gesù e lo legarono.

18.13

Lo condussero prima da Anna; per lui era il suocero di Caifa, che era sommo sacerdote in quell’anno.

18.14

Caifa era lui, che aveva consigliato ai Giudei che era opportuno che un uomo solo muoia per il popolo.

18.15

Simon Pietro e un altro discepolo seguivano Gesù. Questo discepolo era conosciuto dal sommo sacerdote, ed entrò con Gesù nel cortile del sommo sacerdote;

18.16

Ma Pietro stava alla porta. L’altro discepolo, che era noto al sommo sacerdote, uscì e parlò alla portinaia e fece in Peter.

18.17

La cameriera tenuto la porta disse a Pietro: Anche tu eri tu non discepoli di quest’uomo? Egli ha detto: Io non sono.

18.18

I servi e gli ufficiali, che erano lì, avevano acceso un fuoco, perché faceva freddo, e si scaldavano. Pietro stava con loro e si scaldava.

18.19

Il sommo sacerdote interrogò Gesù riguardo ai suoi discepoli e alla sua dottrina.

18.20

Gesù gli rispose: Io ho parlato al mondo apertamente; Ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove tutti i Giudei si riuniscono, e non ho detto nulla di nascosto.

18.21

Perché me lo chiedi? Chiede cosa loro che mi ha sentito l’ho detto; ecco, questi sanno che cosa ho detto.

18.22

A queste parole, uno degli ufficiali che stavano da Gesù colpito, dicendo: ‘questo il modo in cui si risponde al sommo sacerdote?

18.23

Gesù disse: Se ho parlato male, mostra quello che ho detto di sbagliato;e se ho parlato bene, perché mi percuoti?

18.24

Anna lo mandò legato a Caifa, sommo sacerdote.

18.25

Simon Pietro stava là a scaldarsi. Si dice: Tu eri anche tu non dei suoi discepoli? Egli lo negò e disse: Non lo sono.

18.26

Uno dei servi del sommo sacerdote, parente cui orecchio Peter tagliato, ha detto, non ti si vede con lui nel giardino?

18.27

Pietro negò di nuovo. E subito un gallo cantò.

18.28

Essi condussero Gesù dalla casa di Caifa fino alla sala del giudizio: ed è stato presto. Essi non sono entrati in tribunale, per non essere contaminato, ma potrebbero mangiare la Pasqua.

18.29

Pilato uscì verso di loro, e disse: Che accusa portate contro quest’uomo?

18.30

Gli risposero: Se non fosse un malfattore, non avremmo consegnato a voi.

18.31

Pilato disse loro: Prendetelo voi e giudicatelo secondo la vostra legge. I Giudei gli dissero: Non è lecito per noi di mettere a morte nessuno.

18.32

E ‘stato così adempiere la parola che Gesù aveva detto, indicando di quale morte doveva morire.

18.33

Pilato è entrato nel pretorio, chiamato Gesù, e gli disse: Sei tu il re dei Giudei?

18.34

Gesù rispose: E ‘lei che si dice che, o l’altro ti hanno detto a me?

18.35

Pilato rispose: Sono io un Ebreo? La tua gente ei sommi sacerdoti ti hanno consegnato a me: che cosa hai fatto?

18.36

Il mio regno non è di questo mondo, Gesù ha detto. Se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché io non fossi consegnato ai Giudei; ma ora il mio regno non è di questo mondo.

18.37

Pilato gli disse: Sei tu il re? Gesù rispose: Tu dici che io sono re. Sono nato e sono venuto nel mondo per rendere testimonianza alla verità.Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce.

18.38

Pilato gli disse: Che cos’è la verità? Detto questo, uscì di nuovo verso i Giudei e disse loro: trovo in lui nessuna colpa.

18.39

Ma, come si dispone di un costume che vi liberi uno per la Pasqua: volete che vi liberi il re dei Giudei?

18.40

Poi di nuovo tutti gridarono, Non costui, ma Barabba. Ora Barabba era un brigante.

John 19

19.1

Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare.

19.2

E i soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero addosso un mantello di porpora; poi, avvicinandosi,

19.3

dicevano: Salve, re dei Giudei! E hanno dato lo succhia.

19.4

Pilato uscì di nuovo, e disse loro: Ecco, ve lo meno fuori, perché sappiate che non trovo in lui nessuna colpa.

19.5

Gesù uscì, portando la corona di spine e il mantello di porpora. Pilato disse loro: Ecco l’uomo.

19.6

Quando i capi dei sacerdoti e gli ufficiali lo videro, gridarono Crocifiggere! Crocifiggere! Pilato disse loro: Prendetelo voi, e lo crocifiggere; io non trovo in lui nessuna colpa.

19.7

I Giudei gli risposero: Noi abbiamo una legge, e secondo questa legge deve morire, perché si è fatto Figlio di Dio.

19.8

Pilato dunque, udite queste parole, aveva più paura.

19.9

Tornò al tribunale, e disse a Gesù: Donde sei tu? Ma Gesù non gli diede risposta.

19.10

Pilato gli disse: E ‘me non parli? Non sai che ho il potere di crocifiggere te, e ho il potere di liberarti?

19.11

Gesù gli rispose: Tu non avresti nessun potere su di me, se ciò non ti fosse stato dato dall’alto. Quindi chi mi ha consegnato nelle tue mani ha una colpa più grande.

19.12

Da questo momento Pilato cercava di liberarlo. Ma i Giudei gridarono: Se si rilascia, non sei amico di Cesare. Chiunque si fa re si oppone a Cesare.

19.13

Pilato dunque, udite queste parole, menò fuori Gesù, e si sedette sul campo in un luogo chiamato il Pavement, in ebraico Gabbatà.

19.14

Era la preparazione della Pasqua, e verso mezzogiorno. Pilato disse ai Giudei: Ecco il vostro re.

19.15

Ma essi gridarono, rimuove, lo crocifiggere! Pilato disse loro: Devo crocifiggere il vostro re? Risposero i sommi sacerdoti, abbiamo altro re che Cesare.

19.16

Poi lo consegnò perché fosse crocifisso. Hanno preso Gesù, e lo portarono via.

19.17

Ha portando la sua croce, il luogo del cranio, che in ebraico si chiama Golgota.

19.18

Era là crocifissero lui, e con lui altri due, uno su ogni lato e Gesù nel mezzo.

19.19

Pilato ha scritto una e la fece porre sulla croce, e la scrittura era: Gesù di Nazaret, Re dei Giudei.

19.20

Molti Giudei lessero questa iscrizione, perché il luogo dove fu crocifisso Gesù era vicino alla città: ed è stato scritto in ebraico, greco e latino.

19.21

I sommi sacerdoti dei Giudei dissero allora a Pilato, non scrivere, il re dei Giudei. Ma che ha detto: Io sono il re dei Giudei.

19.22

Pilato rispose: Quel che ho scritto, ho scritto.

19.23

I soldati ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una per ciascun soldato. Hanno anche preso la sua tunica era senza cuciture, tessuta dalla parte superiore in tutto. E dissero tra di loro:

19.24

Non scatenare, ma tiriamo a sorte a chi sarà. Questo avvenne perché si adempisse le parole della Scrittura: Si sono divisi le mie vesti, e tirarono a sorte per il mio abbigliamento. Questo è ciò che i soldati hanno fatto.

19.25

Presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria moglie di Cleofa e Maria di Màgdala.

19.26

Gesù allora, vedendo la madre e il discepolo che egli amava, disse alla madre: Donna, ecco tuo figlio.

19.27

Poi disse al discepolo: Ecco tua madre. E da quel momento il discepolo la prese nella sua.

19.28

Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, ha detto, che la Scrittura fosse adempiuta, ho sete.

19.29

C’era un vaso pieno d’aceto. I soldati misero una spugna, e, dopo aver ottenuto un issopo, hanno messo alla bocca.

19.30

Quando Gesù ebbe preso l’aceto, disse: E ‘compiuto. E, chinato il capo, rese lo spirito.

19.31

In timore che i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato, perché era la preparazione, che di sabato era un gran giorno, chiesero a Pilato che le loro gambe devono rompere il crocifisso e che una presa di distanza.

19.32

Poi sono arrivati ​​i soldati e spezzarono le gambe al primo, e l’altro che è stato crocifisso con lui.

19.33

Quando sono venuti a Gesù, e videro già morto, non freno le gambe:

19.34

ma uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua.

19.35

Chi ha visto ne ha dato testimonianza, e la sua testimonianza è vera; ed egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate.

19.36

Queste cose sono state fatte, che la Scrittura fosse adempiuta, un osso di lui sarà spezzato.

19.37

E ancora un’altra Scrittura dice: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto.

19.38

Dopo questo, Giuseppe d’Arimatea, che era discepolo di Gesù, ma di nascosto per timore dei Giudei, chiese a Pilato di poter prendere il corpo di Gesù. E Pilato gli diede. Così è venuto e ha preso il corpo di Gesù.

19.39

Nicodemo, che in precedenza era andato da lui di notte, venne anche portando una miscela di circa un centinaio di chili di mirra e di aloe.

19.40

Hanno preso il corpo di Gesù e lo avvolsero in bende insieme con oli aromatici, com’è usanza seppellire per i Giudei.

19.41

Ora c’era un giardino nel luogo dove fu crocifisso Gesù, e nel giardino un sepolcro nuovo, dove nessuno era ancora stato posto.

19.42

E ‘stato lì che deposero Gesù, a causa della preparazione dei Giudei, perché il sepolcro era vicino.

John 20

20.1

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro presto, mentre era ancora buio; e vide la pietra tolta dal sepolcro.

20.2

Corse da Simon Pietro e dall’altro discepolo che Gesù amava, e disse loro: Hanno portato via dal sepolcro del Signore, e non sappiamo dove l’hanno posto.

20.3

Pietro e l’altro discepolo uscirono e andarono al sepolcro.

20.4

Entrambi correvano insieme. Ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro;

20.5

chinò, vide le bende per terra, ma non entrò.

20.6

Simon Pietro che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro; vide le bende per terra;

20.7

e biancheria che era stato collocato sul capo, non per terra con le strisce, ma piegato in un luogo a parte.

20.8

Allora l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, entrò anche; e vide, e credette.

20.9

Perché non capiscono che, secondo la Scrittura, che egli doveva risuscitare dai morti.

20.10

E i discepoli tornarono a casa.

20.11

Maria invece stava fuori al sepolcro e piangeva. Mentre piangeva, si chinò e guardò nel sepolcro,

20.12

e vide due angeli in seduta bianca sul punto in cui il corpo giaceva per Gesù, l’uno a capo e l’altro ai piedi.

20.13

Hanno detto di lei, Donna, perché piangi? Disse loro: Perché hanno portato via il mio Signore e non so dove l’hanno posto.

20.14

Nel dire questo, si voltò indietro e vide Gesù in piedi; ma non sapeva che era Gesù.

20.15

Gesù le disse: Donna, perché piangi? Chi stai cercando? Lei, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: Signore, se tu l’hai portato tu, dimmi dove l’hai posto, e io andrò a prenderlo.

20.16

Gesù ha detto Mary! Si voltò e disse: Rabboni; vale a dire, Maestro!

20.17

Gesù le disse: Non mi toccare; perché non sono ancora salito al Padre mio. Ma va ‘dai miei fratelli e di’ loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro.

20.18

Maria Maddalena andò ad annunziare ai discepoli che aveva visto il Signore, e lui aveva detto queste cose.

20.19

La sera di quel giorno, che è stato il primo della settimana, le porte del luogo dove i discepoli erano chiusi, a causa della loro timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo a loro, e disse: Pace a voi!

20.20

E quando ebbe detto questo, mostrò loro le mani e il costato. I discepoli gioirono al vedere il Signore.

20.21

Gesù disse loro di nuovo: Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi.

20.22

Dopo questo, alitò su di loro e disse loro: Ricevete lo Spirito Santo.

20.23

Cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; e coloro che voi riterrete saranno mantenuti.

20.24

Tommaso, chiamato Didimo, uno dei dodici, non era con loro quando venne Gesù.

20.25

Gli altri discepoli dunque gli dissero: Abbiamo visto il Signore. Ma egli disse loro: Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi, e se metto la mia mano nel suo costato, io non crederò.

20.26

Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, si fermò in mezzo a loro e disse: Pace a voi!

20.27

Poi disse a Tommaso: Porgi qua il dito e guarda le mie mani; e porgi la mano, e mettila nel mio costato; e non essere incredulo, ma credente.

20.28

Rispose Tommaso: Mio Signore e mio Dio! Gesù disse,

20.29

Perché tu mi hai veduto, hai creduto. Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!

20.30

Gesù fece in presenza dei suoi discepoli, molti altri miracoli che non sono scritti in questo libro.

20.31

Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e che credendo abbiano la vita nel suo nome.

Giovanni 21

21.1

Dopo queste cose, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul bordo del mare di Tiberiade. Ed ecco come si presentava.

21.2

Simon Pietro, Tommaso detto Didimo, Natanaele di Cana di Galilea, figlio di Zebedeo e altri due discepoli di Gesù erano insieme.

21.3

Simon Pietro disse loro, vado a pescare. Hanno detto di lui, Veniamo anche noi con te. Allora uscirono e salirono sulla barca, e quella notte non presero nulla.

21.4

La mattina era venuto, Gesù si presentò sulla riva; ma i discepoli non sapevano che era Gesù.

21.5

Gesù disse loro, bambini, avete nulla da mangiare? Essi gli risposero: No.

21.6

Egli disse loro: Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete.La gettarono, e non potevano rimuoverlo, a causa della grande quantità di pesce.

21.7

Così il discepolo che Gesù amava disse a Pietro: E ‘il Signore! Simon Pietro, quando ha sentito che era il Signore, si cinse i suoi vestiti e cintura, perché era nudo, e si gettò in mare.

21.8

Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci, per non erano lontani da terra, ma circa duecento cubiti.

21.9

Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace, e del pesce sopra, e del pane.

21.10

Gesù disse loro: Portate del pesce che avete preso.

21.11

Simon Pietro salì, e trasse a terra la rete piena di centinaia di cinquantatré anni grossi pesci; e se ci fossero così tanti, la rete non si strappò.

21.12

Gesù disse loro: Venite a far colazione. E nessuno dei discepoli osava domandargli: Chi sei tu? sapendo che era il Signore.

21.13

Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro; ha fatto lo stesso pesce.

21.14

Questa era già la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risuscitato dai morti.

21.15

Quando ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro, Simone, figlio di Giovanni, mi ami tu più di me a loro piace? Egli rispose: Sì, Signore, tu sai che ti voglio bene. Gesù gli disse: Pasci i miei agnelli.

21.16

Gli disse per la seconda volta, Simone, figlio di Giona, mi ami? Pietro gli rispose: Sì, Signore, tu sai che ti amo. Gesù gli disse: Pasci le mie pecore.

21.17

Gli disse per la terza volta, Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?Pietro rimase addolorato che disse per la terza volta: Mi ami tu? Ed egli rispose: Signore, tu sai tutto, tu sai che ti voglio bene. Gesù gli disse: Pasci le mie pecore.

21.18

In verità, in verità io vi dico: quando eri più giovane ti cingevi la veste solo, e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, tenderai le tue mani, e un altro ti cingerà e ti condurrà dove tu non vorresti.

21.19

Ha detto che questo per indicare con quale morte egli dovrebbe glorificare Dio. E detto questo, gli disse, Seguimi.

21.20

Pietro, voltatosi, vide il discepolo che Gesù amava, quello che nella cena si appoggiò sul petto di Gesù ‘, e disse: Signore, che è il tuo libro?

21.21

Vedendolo, Pietro disse a Gesù: E questo, Signore, che cosa accadrà a lui?

21.22

Gesù gli disse: Se voglio che lui rimanga finché io venga, che importa a te? Tu, io.

21.23

Con questo, una voce si diffuse tra i fratelli che quel discepolo non sarebbe morto. Ma Gesù non ha detto di lui che non vedesse la morte;ma, se io voglio che lui rimanga finché io venga, che importa a te?

21.24

Questo è il discepolo che rende testimonianza di queste cose e che li ha scritto. E noi sappiamo che la sua testimonianza è vera.

21.25

Gesù fece molte altre cose; se fossero scritte in dettaglio, non credo che il mondo stesso non potrebbe contenere i libri che si dovrebbero scrivere.

 

Preghiamo perché lo Spirito Santo di Dio ci guida in questa fase finale della Fine dei Tempi.

Pace, amore e gioie nei cuori e nelle case in previsione del ritorno del Signore e Re nostro Gesù Cristo, l’unico Figlio di Dio che viene sulla Terra per salvare noi e la regola sulla terra per mille anni in arrivo il Giudizio.

 

Dio vi benedica e vi benedica tutti i miei amati fratelli e sorelle in Cristo.

Vincitore

Laisser un commentaire

Entrez vos coordonnées ci-dessous ou cliquez sur une icône pour vous connecter:

Logo WordPress.com

Vous commentez à l'aide de votre compte WordPress.com. Déconnexion / Changer )

Image Twitter

Vous commentez à l'aide de votre compte Twitter. Déconnexion / Changer )

Photo Facebook

Vous commentez à l'aide de votre compte Facebook. Déconnexion / Changer )

Photo Google+

Vous commentez à l'aide de votre compte Google+. Déconnexion / Changer )

Connexion à %s


%d blogueurs aiment cette page :